Incoraggiare ed incentivare: due parole chiave per il non profit

Il non profit paga un contratto di inserimento che è, mediamente, il 30-40 % più basso rispetto a quello offerto dalle imprese profit. Gli operatori, dunque, si trovano davanti la scelta tra una carriera nell’uno o nell’altro settore, soppesando le aspirazioni personali, il desiderio di aiutare gli altri, ma anche pensando al  proprio futuro e alle prospettive che questa scelta implica. Questo il tema dell’articolo di Vita Magazine del 6 settembre.

Se anche molti operatori e addirittura manager del profit sentono il bisogno di impiegare gratuitamente parte del loro tempo in attività di volontariato, occorre fermarsi a fare una riflessione sull’importanza di incentivare il non profit ed incoraggiare i giovani a non abbandonare questo settore. Voi che ne pensate? Ecco il mio articolo su Vita Magazine del 23 settembre.

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

One Comment

  1. Caro Valerio
    non sono daccordo al 100% con il tuo primo articolo (quello sugli stipendi). sono una professionista del no profit ed ho lavorato per 6 anni con diverse ONLUS sul terreno: ebbene, quest’anno, in cui ho cercato di rinserirmi nel Profit in Italia, mi sono resa conto con grande stupore che alcune aziende profit pagano MENO delle no profit. Ormai la situazione è cambiata e i concetti di “lavorare gratis”, “lavorare per poco” o “per semplice soddisfazione personale” si sono estesi anche ad alcune aziende profit che utilizzano questi concetti “copiati” dal no profit, per sfruttare al massimo le risorse umane.
    E’ veramente scandaloso!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *