Università. Non sei sempre un numero

Un ragazzo che conosco ha chiuso oggi gli esami all’ Università e mi scrive: 

“Oggi ho finito gli esami e avrei una ramanzina da fare sul sistema universitario italiano, gli altri non li conosco.
Dopo 5 anni, io non posso esserne soddisfatto. Non posso essere soddisfatto da un qualcosa che unisce presunta teoria a un numero e affida la pratica e l’esperienza a “qualcun altro”.
In un mondo dove l’istruzione sembra essere tutto devi farti strada tra numeri […]”

L’ Università la conosco bene, e ne conosco bene limiti, ma anche potenzialità e possibilità. 
Non si può universalizzare perché so che ci sono persone, colleghi, che fanno la differenza e sono davvero bravi e competenti.

Negli anni ho conosciuto talenti. Ho avuto in classe studenti che ora guardo con ammirazione e sono certo che parte del loro talento è cresciuto grazie all’ Università.


Questa cosa però mi ha fatto riflettere. Mi viene da dire che forse per molti neolaureati LA SITUAZIONE e il pensiero è simile….
Quando ho pensato il Master in Fundraising avevo esattamente in mente l’opposto di questa esperienza. L’OPPOSTO.

• PER NOI TU NON SEI UN NUMERO. Per questo che c’è ogni anno un numero massimo di iscritti in classe.
• LA PRATICA E L’ESPERIENZA LA FAI SUL SERIOAttraverso l’Annual Fund Plan, il Progetto Capstone, i lavori di gruppo pensati e strutturati, le esercitazioni, i web meeting riservati, lo stage (ma lo stage ben fatto!!)…

 

E poi abbiamo il valore aggiunto del NETWORKING (attraverso il festival del fundraising, gli aperitivi con i docenti (!!), il summer party con alumni a casa mia e tantissimo altro…)

Questo è un valore aggiunto sotteso che non viene percepito subito, ma che è il VERO VALORE AGGIUNTO che oggi ci differenzia da altri.

 

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *