W la ricerca sul fund raising

Ricevo da un anonimo, (che evidentemente ha paura di ritorsioni…e lo capisco) la seguente e-mail: “Interessante vedere sul Sole24Ore un articolo di una ricerca di una società di consulenza sul fund raising (che propone come “nuova ricerca”, una mera rielaborazione di 3 ricerche di Irs, Consodata e Acri) che dice come nel fund raising le organizzazioni più premiate sono quelle del settore socio-sanitario. Che strano…proprio quello dove loro operano! W la ricerca!”. Non ho visto l’articolo, ma l’esperienza mi insegna che “la statistica è al servizio del potere”, ovvero i numeri, si possono far cambiare a seconda degli obiettivi.

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

One Comment

  1. Ho letto oggi sul quotidiano La Repubblica che il 62% delle donazioni va nel settore ricerca, forse quelli che hanno fatto la ricerca di cui lei parla hanno preso questo dato come riferimento. E se è così hanno in parte ragione loro, però credo sia necessario fare delle distinzioni. Perchè la ricerca sicuramente raccoglie fondi e tanti, ma tante altre buone cause nel settore socio-sanitario non hanno l’attenzione che si meritano e non raccolgono altrettanto. Dunque dire che le organizzazioni più premiate sono quelle del settore socio-sanitario è esagerato, forse è meglio dire alcune di esse (le più grandi forse?).

Comments are closed.