12 Settembre 2006

Esclusiva assoluta! Una mia intervista al Guru del Marketing Seth Godin…da leggere!


Penso che sia un colpaccio. Riuscire a intervistare, di persona, Seth Godin, probabilmente l’autore di maggior successo al mondo sul marketing (molti lo hanno definito l’erede di Kotler) è davvero un grande onore che Seth Godin ha voluto fare al nostro blog. L’idea è stata di Francesco Santini, infaticabile collaboratore, e anche le domande sono state studiate da lui, insieme a me: onore al merito! Seth Godin è un autore che leggo da tanti anni, ero ancora negli Stati Uniti quando iniziavano a girare le bozze e i primi articoli sul Permission Marketing, la vera e propria rivoluzione del marketing da push a pull. ed era ed è ancora veramente valido ed anche di facile e veloce lettura. Ho avuto occasione recentemente di parlare con Seth Godin e dal nostro colloquio è nata questa intervista. Per chi non conoscesse Seth Godin è uno dei migliori consulenti di marketing a livello internazionale ed autore di numerosi libri (fra cui La Mucca Viola, Contiene una fantastica sorpresa, Il ruggito della mucca viola). Ha attivo un blog dai contenuti molto interessanti e ha fondato il sito Squidoo che vi invito a visitare, è un’idea e una realtà molto interessante (e se ci capitate andate a vedere la mia Squidoo Lens )

VM : Ciao Seth, anni fa lessi il tuo primo libro “Permission Marketing”, di quel libro ricordo sempre quando parli del matrimonio fra azienda e clienti necessario per passare da un interruption marketing ad un permission marketing. Pensi che questo sia anche vero nel fund raising? Personalmente credo che ancora molte anp (aziende nonprofit) fanno interruption fund raising (basti pensare alle solite immagini lanciate sui mailing, sui siti e sulle tv di “bambini tristi”) invece che un sano permission fund raising.
Tu cosa ne pensi?

SG: Hai ragione. Le anp sono ancora alla ricerca degli strumenti e delle modalità corrette per raccogliere fondi. Alcune anp credono che siccome la loro causa è giusta allora per loro è corretto “spammare” le persone…con telefonate, e-mailing, lettere e richieste di fondi. Se c’è un’area dove il permission marketing “paga” è proprio qui

VM: Perchè nel sito Squidoo hai deciso di devolvere parte delle royalties che ricavate dalle Squidoo Lenses alle anp? E’ una idea nata da uno spirito filantropico o tu credi veramente che le anp possono raccogliere fondi online?

SG: Il mio obiettivo è di raccogliere 100 milioni di dollari per le anp. Questo è il motivo per cui lo faccio, è l’obiettivo di ogni organizzazione. Voglio rendere facile alle persone diventare fund raiser (da notare come Squidoo dia la possibilità di costruirsi pagine su temi di interesse e, grazie al sistema Google Adsense, di ricavare fondi per le anp)

VM: Però ora, anche negli USA, il fundraising online è solo una piccola percentuale di tutta la raccolta fondi: tu pensi che nel futuro internet possa essere veramente uno strumento per raccogliere più fondi per le anp? E se si, perchè?

SG: Si ora come ora il fund raising online è solamente uno strumento ulteriore per raccogliere fondi che si sarebbero raccolti anche in altro modo. Lo strumento “internet” per funzionare ha necessità di essere differente. Essere online vuol dire avere un modo nuovo per diffondere le idee e non solamente per raccogliere fondi.

VM: In un altro tuo libro (Tutte le palle del marketing) tu sostieni come non è possibile raccontare bugie ai donatori. Nel nonprofit alcune volte capita di venire a conoscenza di anp che “non hanno detto la verità”, che vendono bene una storia ma che non è vera? Come possono le anp diventare capaci di un corretto marketing e dunque di un corretto fund raising?

SG: Le anp devono raccontare storie. Le persone non donano per i fatti, non donano alle statistiche…donano perchè gli viene raccontata una storia.
Le persone piangono per le ingiustizie del Darfur o per il terremoto del Pakistan: per altri eventi invece nessuno è riuscito a raccontare una storia o se ci si è riuscito, lo si è fatto troppo tardi. Per vivere le anp devono raccontare storie. Le storie però devono essere autentiche ed avvincenti e devono essere diffuse.

VM: Ultima domanda. Che cambiamenti vedi all’orizzonte per il marketing delle anp?

SG: Io credo che ci sarà una grande esplosione di piccole anp che utilizzano internet per fare raccolta fondi e per farsi conoscere. E’ dietro l’angolo.

Grazie Seth per questa bella intervista, le tue parole vanno dritte al segno. In Italia credo che siamo ancora indietro per quanto riguarda un vero sviluppo del fund raising via Internet. Personalmente ho cercato di cogliere i tuoi insegnamenti inserendo un corso sul fund raising via Internet nel Master in Fund Raising (di cui vi ricordo è aperto il bando per le iscrizioni).

CONDIVIDI L’ARTICOLO

FUNDRAISING PER LA TUA CAUSA

Scarica un estratto del libro

Libro aperto Melandri

SEGUIMI SU INSTAGRAM

I 10 articoli più letti

2 Novembre 2022

C’è una foto che ho rivisto, qualche giorno fa, in un libro del 1986.  Avevo 20 anni al tempo…E’ una foto che mi rappresenta bene e a cui sono sempre stato particolarmente affezionato. Il Papa veniva a Forlì e io avevo deciso che avrei voluto dargli la mano.Non avevo dubbi sul mio obbiettivo. Volevo stringergli la mano. […]

2 Ottobre 2022

Il destino dell’essere umano è incontrare le persone. Ricominciano i convegni, le conference di persona (in foto sono al Philanthropy Experience di Catania). E’ importantissimo, quando si va a un convegno, utilizzare il convegno per quello serve: l’incontro di persona. Se andate solo per sentire le sessioni formative, usate il convegno solo per il 20% […]

23 Giugno 2022

“La maggior parte delle persone preferirebbe camminare sopra i carboni ardenti piuttosto che chiedere soldi agli altri perché è ampiamente considerato un atto audace e presuntuoso pieno di potenziale imbarazzo” Questo è quanto dice Richard Levi dell’Alba University ed è una delle citazioni che ultimamente porto sempre con me a convegni e incontri. Bisogna dunque […]

14 Giugno 2022

Saper chiedere bene una donazione è doveroso Ti senti in imbarazzo quando chiedi una donazione? Ti senti sbagliato quando chiami un potenziale donatore al telefono e sai che prima o poi dovrai sollecitare una sua donazione? Ritieni umiliante chiedere? Piuttosto che chiedere una donazione faresti qualsiasi cosa? Anche fotocopie per il tuo capo? Mi piacerebbe […]

25 Marzo 2022

Vi sembrerebbe normale che un critico cinematografico dopo aver visto un film desse una o cinque stelle solo in base alle ‘spese generali’ che la casa cinematografica ha avuto per realizzare la pellicola? Eppure questo è ciò che succede nel Nonprofit. Ci viene insegnato che le migliori organizzazioni nonprofit sono quelle che hanno basse spese […]

29 Dicembre 2021

Questo cartello l’ho fotografato in un bar. E’ all’interno di un piccolo centro commerciale, ma di quei centri non proprio splendenti, che non ci va una montagna di gente. Un piccolo barettino, gestito con un sorriso da una proprietaria, che è così come la racconta. Non promesse non mantenute. Semplicemente la descrizione di quello che […]

3 Febbraio 2021

Mi capita sott’occhio, quasi per caso, questa poesia di Montale. L’avevo già letta (Montale, il poeta della malinconia, del senso religioso, del perché stare al mondo… lo leggevo sin da bambino, ma proprio da bambino, penso alle elementari, l’ho sempre letto e per certi versi, per come potevo, capito). Rileggo questa poesia e penso al […]

19 Agosto 2020

Vorrei partire prendendo di petto una domanda basilare la cui risposta ho forse data per scontata: che cosa è il lavoro? È importante farsi spesso questa domanda, specie in vacanza in cui hai un po’ più tempo libero, perchè poi quando lavori rischi di non chiedertelo mai. Per rispondere a questa domanda c’è solo un modo: guardare alla nostra vita. Chi sono […]

5 Giugno 2019

La pratica della raccolta fondi, pur facendo ormai parte integrante della cultura, e della necessità di molte organizzazioni non profit, non è ancora sufficientemente compresa. Spesso è mal rappresentata e troppo spesso vista con sospetto ed apprensione dai responsabili delle organizzazioni non profit, specialmente dai consiglieri di amministrazione. E così il fundraiser, troppo spesso, si sente […]

9 Gennaio 2016

Ogni volta che sperimento il blocco dello scrittore, smetto di scrivere… con le mani: e inizio a scrivere con le gambe. – Mokokoma Mokhonoana   Tutti parlano (e straparlano) di storytelling. Se vuoi fare fundraising, sempre più, occorre che tu sappia raccontare una storia. Vera. O diventi anche uno scrittore, o buona fortuna! Mi sa […]

SCRIVERE È UNA DELLE MIE PASSIONI

Iscriviti alla mia Newsletter

Riceverai ogni tot. (non tutte le settimane, ma solo quando ho qualcosa di utile da condividere)
idee, storie, strategie sul fundraising.

Scarica l'inizio del capitolo più bello
(secondo me!)

leggi le prime pagine