Fund Raising Blog Book: Valutare il nonprofit

 Il volume, in poco meno di trecento pagine getta, le basi per quella che speriamo sarà l’individuazione di un sistema di strumenti e criteri di misurazione delle attività svolte dalle aziende nonprofit. Sempre più oggi infatti si sente il bisogno di trovare una base comune con cui valutare, attraversi criteri scientifici e su basi non autoreferenziali, le aziende nonprofit.
Il testo non si limita ad un interessante elenco dalle esperienze di rating maturate dalle fondazioni bancarie (che indirettamente evidenzia le gravi lacune nel campo della valutazione ex-post da parte di molte di queste) ma approfondisce anche il tema dei benchmark in campo sociale attraverso l’analisi dei criteri di valutazione di progetti a sostegno dell’impresa sociale. Ma il cuore del libro è nel capitolo 6 dove si arriva a fornire una proposta di rating per il sociale con la specifica dei principi alla base della predisposizione di un sistema di misurazione: in questa parte del testo si fornisce una prima concreta risposta alla crescente domanda di misurazione delle attività svolte dalla aziende nonprofit.
Di questo volume si deve dare merito al curatore, Nadio Delai, personaggio “storico” (mi si passi il termine) della formazione e della ricerca sociale in Italia, e alla Fondazione Unidea (finanziatore) e potrebbe ragionevolmente essere preso a modello per future ricerche e dibattiti sul tema.
E’ certamente un libro utile per chi deve valutare le aziende nonprofit, ma lo si può consigliare ai futuri manager delle fondazioni erogatrici italiane ed anche a chi già vi lavora e vuole attingere suggerimenti da un libro che è un serbatoio di idee e progetti per il futuro

Valutare il non profit
Nadio Delai (a cura di)
Bruno Mondadori, Milano, 2005
Pag. 271

Acquista online Valutare il nonprofit

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

One Comment

  1. Mi sembra una buona cosa che ci sia qualcuno che si occupi seriamente di pensare a strumenti comuni per valutare la CSR anche delle non profit. Quantomeno rendere omogenei i parametri permetterebbe di poter fare veri e propri confronti e di rendere la trasparenza tale non soltanto sulla carta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *