25 Ottobre 2007

“Molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità”

Questa bella frase di Alexis Carrel (premio Nobel per la Medicina), riassume brevemente una serie di commenti che ho ricevuto sul mio post circa il fatto che spesso mi capita di vedermi copiato.

Non mi farò trascinare davvero in un’inutile polemica. Non merito davvero così tante attenzioni, soprattutto per una semplice osservazione che non voleva essere assolutamente offensiva. Mi sono limitato ad osservare che il mio blog è stato il primo in Italia. Tutto qui.

È falso? No.

È la verità? Sì.

Questo è quanto. È così immaturo osservare un dato dalla realtà? A me sembra una buona semplice e tranquilla operazione di realismo.

Si può discutere sul fatto che questa osservazione sia “interessante”, “utile”, “bella”, “brutta”, “ragionevole”, ecc, ma sono tutti punti di vista, opinabili.

Non si può discutere invece sui fatti, che sono eventi, e quando accadono, sono ineliminabli.

Volete qualche esempio di fatti ineliminabili? Eccone alcuni.

1 – Oggi 25 ottobre sono stato a Indianapolis e ho incontrato i vertici della Croce Rossa Americana dalle 7,00 alle 8,00 del mattino (si può discutere sul fatto che l’orario era strano, che questa cosa sia interessante o meno, ma di certo non si può discutere sul fatto che questa cosa è successa: “Molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. Molta osservazione e poco ragionamento conducono all’errore”).

2 – Il primo libro sul fundraising in italiano, pubblicato in Italia è quello di Massimo Coen Cagli, Manuale di fundraising, Carocci Editore. È, e sarà per sempre il primo libro mai pubblicato. Un fatto. Si può discutere se è bello o meno (a me piacque moltissimo, al punto che lo adottai nei miei corsi all’Università, e tuttora ritengo che Massimo Coen Cagli, sia uno dei pochi “liberi” pensatori sul fundraising… nel senso che pensa, prima di parlare), ma non si può discutere sul fatto che sia stato il primo autore a pubblicare un libro sul fundraising in Italia.

3- Il primo blog sul fundraising, mai realizzato in Italia e in italiano è quello di Valerio Melandri (Falso? No! Vero? Sì!)

4 – L’associazione Assif è stata fondata attorno alla mia scrivania, nel mio ufficio alla Facoltà di Economia, al secondo piano. Ricordo che avevo in braccio il mio primo figlio che aveva pochi mesi, mentre firmavo insieme ad altri amici, l’atto costitutivo. È un fatto: ineliminabile per il resto della storia.

5 – Il primo portale di informazioni dedicato al fundraising, nato in Italia e in italiano è www.fundraising.it. È un fatto, (interessante o meno), è un fatto e tale rimarrà per sempre.

6 – La prima offerta strutturata di corsi di formazione sul fundraising è stata creata a Forlì (Fundraising School), ispirandomi all’impostazione della Fundraising School americana (ricordo che quando feci vedere le nostre brochure a Tim Seiler direttore della Fundraising School dell’Indiana University, mi sorrise compiaciuto: qualcuno lo aveva copiato….).

Vedete, il gruppo di amici e di collaboratori che ruota intorno all’esperienza e al metodo che cerco di portare avanti nel fundraising (e il metodo è riassumibile nella seguente frase: “promuovere la cultura della sostenibilità delle organizzazioni nonprofit e degli enti pubblici“) mi ha fatto notare, durante una riunione brainstorming che “tutte le volte che facciamo una cosa, dopo poche settimane, pochi mesi qualcuno la imita e la riproduce”, e un altro collaboratore diceva “è vero, non sempre veniamo riconosciuti per quello che facciamo, ma è evidente che molte volte segniamo il passo. Ad esempio pensate a… “ e mi ha elencato una serie di cose, davvero lunga, che neppure io avevo notato. Mi sono limitato nel mio blog a citare l’espressione che lui ha usato: “mi sembra che in alcuni casi, noi siamo dei trend setter”.

Aveva ragione? A parere di alcuni, no. A parere mio, si. Ma il parere NON è un fatto, e si può discutere…questa è la differenza fra un “fatto” e un “parere”.

In ogni caso, è bello avere un gruppo così forte e coeso, che mi permette di starmene 22 giorni negli Stati Uniti a studiare e a fare attività di ricerca sul fundraising.

Questo straordinario gruppo di persone, sta mandando avanti tutte le decine di iniziative che stiamo portando avanti. È come nel rugby: se si vuole andare avanti, bisogna passare sempre dietro. E se dietro non c’è la squadra, non si va avanti.

Da Indianapolis, con affetto e con la voglia costruire sempre di più.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Ogni domenica idee, storie, strategie sul fundraising. 500 parole alla volta.

I 10 articoli più letti

23 Giugno 2023

“La maggior parte delle persone preferirebbe camminare sopra i carboni ardenti piuttosto che chiedere soldi agli altri perché è ampiamente considerato un atto audace e presuntuoso pieno di potenziale imbarazzo” Questo è quanto dice Richard Levi dell’Alba University ed è una delle citazioni che ultimamente porto sempre con me a convegni e incontri. Bisogna dunque […]

25 Marzo 2023

Vi sembrerebbe normale che un critico cinematografico dopo aver visto un film desse una o cinque stelle solo in base alle ‘spese generali’ che la casa cinematografica ha avuto per realizzare la pellicola? Eppure questo è ciò che succede nel Nonprofit. Ci viene insegnato che le migliori organizzazioni nonprofit sono quelle che hanno basse spese […]

10 Marzo 2023

Il destino dell’essere umano è incontrare le persone. Ricominciano i convegni, le conference di persona (in foto sono al Philanthropy Experience di Catania). E’ importantissimo, quando si va a un convegno, utilizzare il convegno per quello serve: l’incontro di persona. Se andate solo per sentire le sessioni formative, usate il convegno solo per il 20% […]

28 Febbraio 2023

Saper chiedere bene una donazione è doveroso Ti senti in imbarazzo quando chiedi una donazione? Ti senti sbagliato quando chiami un potenziale donatore al telefono e sai che prima o poi dovrai sollecitare una sua donazione? Ritieni umiliante chiedere? Piuttosto che chiedere una donazione faresti qualsiasi cosa? Anche fotocopie per il tuo capo? Mi piacerebbe […]

3 Febbraio 2023

Mi capita sott’occhio, quasi per caso, questa poesia di Montale. L’avevo già letta (Montale, il poeta della malinconia, del senso religioso, del perché stare al mondo… lo leggevo sin da bambino, ma proprio da bambino, penso alle elementari, l’ho sempre letto e per certi versi, per come potevo, capito). Rileggo questa poesia e penso al […]

2 Febbraio 2023

C’è una foto che ho rivisto, qualche giorno fa, in un libro del 1986. Avevo 20 anni al tempo… E’ una foto che mi rappresenta bene e a cui sono sempre stato particolarmente affezionato. Il Papa veniva a Forlì e io avevo deciso che avrei voluto dargli la mano. Non avevo dubbi sul mio obbiettivo. Volevo stringergli […]

29 Dicembre 2022

Questo cartello l’ho fotografato in un bar. E’ all’interno di un piccolo centro commerciale, ma di quei centri non proprio splendenti, che non ci va una montagna di gente. Un piccolo barettino, gestito con un sorriso da una proprietaria, che è così come la racconta. Non promesse non mantenute. Semplicemente la descrizione di quello che […]

19 Agosto 2020

Vorrei partire prendendo di petto una domanda basilare la cui risposta ho forse data per scontata: che cosa è il lavoro? È importante farsi spesso questa domanda, specie in vacanza in cui hai un po’ più tempo libero, perchè poi quando lavori rischi di non chiedertelo mai. Per rispondere a questa domanda c’è solo un modo: guardare alla nostra vita. Chi sono […]

5 Giugno 2019

La pratica della raccolta fondi, pur facendo ormai parte integrante della cultura, e della necessità di molte organizzazioni non profit, non è ancora sufficientemente compresa. Spesso è mal rappresentata e troppo spesso vista con sospetto ed apprensione dai responsabili delle organizzazioni non profit, specialmente dai consiglieri di amministrazione. E così il fundraiser, troppo spesso, si sente […]

9 Gennaio 2016

Ogni volta che sperimento il blocco dello scrittore, smetto di scrivere… con le mani: e inizio a scrivere con le gambe. – Mokokoma Mokhonoana   Tutti parlano (e straparlano) di storytelling. Se vuoi fare fundraising, sempre più, occorre che tu sappia raccontare una storia. Vera. O diventi anche uno scrittore, o buona fortuna! Mi sa […]

SCRIVERE È UNA DELLE MIE PASSIONI

Iscriviti alla mia Newsletter

Riceverai ogni tot. (non tutte le settimane, ma solo quando ho qualcosa di utile da condividere)
idee, storie, strategie sul fundraising.

Scarica un estratto del mio ultimo libro

passo dopo passo impari a raccogliere fondi in maniera solida ed efficace