Fare una brochure non è cosa semplice

Recentemente un amico mi ha chiesto di dare una occhiata ad un volantino (che allego qui) prima che andasse in stampa. Condivido con voi queste osservazioni…e se magari voleste fare una donazione, è questione di reciprocità!!!

Ecco le mie considerazioni

Molto bello, molto ben fatto!
– Toglierei la foto di gruppo, che non aggiunge niente e anzi confonde, mentre è splendida la foto di Rachele. Da tenere. Dalla foto
di gruppo non si capisce, che sono suore.
– metti foto dei beneficiari, degli impatti, delle cose effettivamente fatte, e che state facendo.
– al posto della foto di gruppo una foto di preghiera di spalle, una foto di azione di spalle, sei alla fine del volantino metti le spalle,
non fare un’altra apertura, metti qualcosa che chiuda e inviti all’azione, un bisogno, un qualcosa che ti suggerisca un’azione da
fare: “vedi quanta gente aiutiamo, aiutaci anche tu”, oppure vedi quanta gente sta con noi
– chiudi il volantino con l’azione, non con un’altra apertura
– meglio poche foto grandi e ben comprensibili che tante piccolissime fototessere
– non so quanto siano grandi i caratteri del volantino nel reale ma sappi che gli anziani faticano a leggere meno 13-14pt times new roman, o cose del genere, se sono piu’ piccoli non si legge
– la foto delle ragazze che studiano mentre ridono non mi sembra un bel segnale, capisco la letizia…., ma quando si studia bisognerebbe vederli in atteggiamento di studio…

L’unica cosa è che manca una firma di qualcuno. Il testo ha un tono da lettera (noi siamo, noi abbiamo fatto, noi facciamo,…) ma si chiede senza una firma. Piu’ personale è meglio è

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

2 Comments

  1. Concordo con quello che ha detto il prof. Melandri.
    Inserirei una frase che testimoni meglio il vostro lavoro, la vostra missione. Molto breve.Tipo motto.
    Userei, per le parole da mettere in risalto, il grassetto.
    La foto sulla prima di copertina é molto bella ma io preferisco foto maggiormente “operative”: ecco cosa facciamo..ecco mentre aiutiamo qualcuno..ecc. Una foto che comunichi il messaggio “sostieni una missionaria”.
    Nelle altre foto ci sono persone che studiano, cantano, mangiano. Personalmente inserirei foto legate anche alle vostre future attività (aiutare gli altri, insegnare…).
    Non sarebbe meglio inserire delle didascalie per ogni foto? “Suor Maria che…”, “Suor Anna mentre..”.
    Iniziate un percorso di fund raising, perchè non avete un sito web?
    Ho visto le cifre per il sostegno (10.000 euro..ecc), forse sono un po’ alte, ma magari avete un database di sostenitori periodici ai quali chiedere e allora no problem.
    Molti saluti
    Raffaele PICILLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *