Pronto 895 898 95 98? Qui fundraising San Raffaele, vuole donare e vincere un premio?

saraffRicevo e volentieri pubblico:

Tra un appello e l’altro, trovo il tempo di scriverle per segnalare un’iniziativa di fundraising che mi lascia alquanto perplessa. Non so se ha avuto modo di vedere (qui il link) il “Chiama, Dona e Vinci!” Il primo concorso a premi nazionale con una numerazione telefonica a sostegno della ricerca scientifica. . Iniziativa promossa dalla Fondazione San Raffaele in collaborazione con Telecom Italia, con lo scopo di contribuire a realizzare il San Raffaele Diabetes Research Institute (DRI), un centro di ricerca per la cura e prevenzione del diabete. Ho trovato la cartolina promozionale del concorso (che può scaricare a questo link), nell’atrio del mio palazzo, insieme alla normale pubblicità di supermercati e affini.
Ne sono rimasta subito colpita, negativamente.
Certo, l’idea è nuova e originale. Ma non la trovo coerente con i principi del fundraising. Così non si insegna la gioia di donare, ma si “vizia” il donatore e si rischia di rovinare il mercato abituando a una ricompensa materiale, che va ben oltre al gadget.
Comunque, è proprio l’idea in sè del concorso mischiata al gesto della donazione che non trovo coerente e corretta.
Devo donare e spingere a donare per la felicità che questo gesto mi dà e può dare, non per il premio…se c’è un premio non c’è il ritorno di quella curva della felicità che in uno dei grafici delle sue prime lezioni mi aveva (quasi) emozionato.

Inoltre non trovo trasparente la frase di ulteriori spiegazioni: “Con un costo massimo di 4€ da telefono fisso e di 6,90€ da telefono mobile, tutti potranno dare il proprio contributo ed essere premiati. L’importo della telefonata, dedotti i costi e l’iva, verrà interamente destinato alla ricerca sul diabete.”
Tutti potranno vincere? i premi sono sicuri per tutti?
Quali e quanti sono i “costi”  e l’iva?

Augurandomi che questo sia un caso isolatissimo…la saluto e torno al lavoro!

Buona serata!


In realtà il mio giudizio non è così negativo. Anzi. Si tratta in fondo della realizzazione un po’ tecnologica delle centinaia di migliaia di pesche di beneficenza, lotteria parrocchiali, sottoscrizioni a premi, che tutti noi abbiamo organizzato in passato e a cui tutti in fondo abbiamo donato in passato. Compro il biglietto della lotteria (o faccio una telefonata a un numero a pagamento) perchè voglio fare beneficenza e poi capita che magari vinco l’auto o il pc, magari lo faccio anche più volentieri, ma non lo trovo “intrinsecamente” sbagliato. Altra vicenda è la rendicontazione, ma anche su questo vedendo l’organizzazione, ovvero il san raffaele (probabilmente il miglior ospedale d’europa, certamente il migliore in moltissime specialità in Italia, o almeno è quello che mi riferiscono i colleghi medici), mi sentirei di dare un giudizio davvero positivo.

Non so, cosa dite voi?

VM

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

One Comment

  1. Questà è proprio interessante!, innovativa senza dubbio, mi piace proprio. Concordo con il Prof. Melandri che la rendicontazione di un evento come questo può risultare più complesso, ma sicuramente l’effetto novità e, di conseguenza, il coinvolgimento è più immediato. Diversamente da quanto evidenziato, appena ho letto di cosa si trattava, non ho colto le problematiche inerenti i premi in palio. Ho pensato invece:”Un ospedale così importante strutturato che propone una raccolta fondi altrettanto innovativa – che connubio! forte davvero!”.
    Ringrazio chi ha segnalato questa informazione e il Prof. Melandri che l’ha pubblicata cogliendone l’aspetto innovativo.
    Un caro saluto.
    Annalisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *