A novembre a parlare di fundraising per la sanità

Il 19 novembre sarò relatore ad un convegno internazionale dal titolo “L’ospedale del terzo millennio” in cui si parlerà, tra le altre cose, di fundraising in campo sanitario (clicca sull’immagine per scaricare la brochure). Saranno con me due colleghi che hanno inserito il fundraising all’interno di strutture sanitarie pubbliche e private, lo hanno fatto con fatica ma anche ottenendo dei buoni risultati.

Credo sempre più che la raccolta fondi, anche nel campo sanitario, sia un fattore culturale che vada superato: è chiaro che non è più possibile delegare allo Stato tutte le funzioni di tutela sanitarie (così come quelle educative) e dunque ogni cittadino si deve sentire corresponsabile della propria salute e di quella dei cittadini contribuendo, al di là delle imposte, allo sviluppo di quei progetti di fundraising proposti dalle aziende ospedaliere.

Anche le aziende ospedaliere devono però migliorare la loro proposta: migliore comunicazione verso l’esterno, maggiore rendicontazione, chiarezza dei progetti presentati. Tutti aspetti che vanno maggiormente curati perchè più fundraising significa anche più rendicontazione, più trasparenza, più e migliore comunicazione

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

2 Comments

  1. ma prof!!!! e io come faccio a partecipare se ho già altri impegni inderogabili?????????uffa

  2. Più Fundraising vuol dire anche più risorse per una sanità migliore; una sanità che abbia a cuore la salute della persona e non si limiti ad analizzare solamente il costo-prestazione!!
    Certamente sarà un successo caro prof. Melandri, ma nell’attesa continuiamo
    Il nostro CAF che oggi è iniziato davvero molto bene..!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *