Per “compensare” l’aumento dei costi di postalizzazione, almeno che ci diano i nomi del 5 per mille!

Il dado e’ tratto, almeno sembra. Le Poste hanno detto la loro, e le organizzazioni nonprofit hanno tentato di far cambiare questo “regalo” inaspettato. Insomma davvero una bella confusione. Ma ora che fare? Parlo con le organizzazioni nonprofit. Alcune dicono che “non faremo mai piu’ mailing”, senza rendersi conto che i loro migliori nuovi donatori arrivano spesso proprio dal mailing, alcune, che spedivano solo 1000 notiziari ogni 3 mesi decidono (senza criterio logico) di interrompere le spedizione dei giornalini “perchè ora costa troppo” non rendendosi conto che in molti casi si tratta di 200/300 euro di aumento di costi…quando magari con il giornalino arrivano 1000/2000 euro di donazioni.

Insomma comportamenti schizofrenici, alcune volte poco pensati.

Ma qual è il vero problema che sta sotto tutta questa vicenda? Che fino a ieri si spedivano lettere un po’ a caso, “tanto costava poco, proviamo” e in alcuni casi i ritorni economici erano talmente bassi che questo aumento delle poste li ha azzerati. Fino a ieri, si diceva: “con 0,20 o 0,25 centesimi al pezzo si riesce a fare a una discreta campagna mail, perchè non provare?”.

Ora se si analizza in termini di costo e di rendimento un mailing, i fattori che lo compongono sono 3:

a)    la causa che viene proposta, (che cosa)

b)   la creatività nel realizzarlo, (come)

c)    gli indirizzi a cui viene spedito.  (a chi)

In molti pensano che questi tre fattori siano ugualmente “pesanti”, alcuni pensano addirittura che il problema del mailing sia solo la creatività (“se è bello, e ben fatto con tutte le regole del marketing e della persuasione, funzionerà”). Invece non è così.

Le ricerche dimostrano, indiscutibilmente, che il peso dei singoli fattori fatto 100, è 10/20% alla buona causa che viene proposta, 10/20% alla creatività nel realizzarlo, mentre ben il 70/80% del successo deriva all’indirizzo a cui viene spedito, alla persona che viene scelta.

Questo è il problema italiano! Non solo la postalizzazione!  Che anche in presenza di una buona creatività (e alcuni mailing sono davvero belli, meglio di tanti mailing inglesi o americani),  non ci sono piu’ indirizzi validi! O meglio ancora, gli indirizzi attuali non rendono piu’ come una volta perchè a causa di quella strana legge detta “privacy” non si riesce più segmentarli adeguatamente.

Occorre certamente continuare la “buona battaglia” dei costi di postalizzazione, ma è bene concentrarsi anche sulla ricerca di nuovi nominativi, di buoni nominativi, di adeguati e coerenti nominativi alla propria causa. Ecco perché bisogna insistere con il Governo che autorizzi la visione dei nomi di coloro che hanno firmato il 5 per mille, causa per causa. Non costerebbe nulla a nessuno, ma ridurrebbe i costi della ricerca di nuovi nominativi interessati alla propria causa. Non si chiede di sapere i dati “economici” di chi ha firmato per il 5 per mille, né di sapere chi sono coloro che hanno firmato il 5 per mille degli altri,  ma quello che ognuno deve chiedere con forza è: “permettetemi di ringraziare chi ha scelto di dare il suo 5 per mille a me”. Che ci venga dato l’indirizzo postale di chi ha donato il suo 5 per mille alla mia causa. Con quell’indirizzo si puo’ iniziare un’amicizia con il donatore… e se sono rose fioriranno!

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *