Per una volta (quasi) unito il nonprofit in mutande

Come Festival del Fundraising siamo fra i firmatari (e co-finanziatori) di questa campagna di stampa.

Il mio invito: da parte i particolarismi, le distinzioni, i “io penso”, “io dico”, le ideologie: firmiamo, facciamo girare, facciamo quello che occorre fare per fare si che non rimaniamo in mutande.

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

6 Comments

  1. Spett.bile ACU, scrivo a proposito di un illecito nello Statuto della vostra associazione, che gode di benefici non spettanti giocando sulla ambiguita’ lucro-non lucro ed azienda-dipendenti, ingannando finanziatori e donatori.
    Inganno che gia’ si intravede dall’uso di una forma dispregiativa del guadagno nello statuto, chiamato lucro per far credere che il guadagno illecito non va bene ed il guadagno lecito, come lo stipendio, va bene quando invece questo non corrisponde al vero.
    Perche’ l’ACU e’ di fatto una associazione il cui fine e’ il guadagno, celato sotto la voce “stipendi, consulenze, ecc” fatte passare per necessarie giocando sull’altra distinzione tra azienda e dipendenti, e facendo credere che solo l’azienda debba essere senza fini di lucro e non i dipendenti.
    Avendo inoltre in questa maniera accesso illegale a finanziamenti, donazioni, lasciti testamentari, ecc.
    Faccio quindi una richiesta di legalita’ in via amichevole che la regola principale del vostro ente, senza scopo di lucro, valga anche per quanto riguarda stipendi, consulenze, eredita’ ed entrate simili, nel termine di 15 giorni,
    trascorsi i quali senza avere ricevuto risposta positiva sara’ giocoforza il ricorso alla giustizia ordinaria

  2. caro Barnaba, come vede le ho lasciato libera pubblicazione, anche se non ho affatto capito il suo messaggio, e soprattutto non ho capito chi sarebbe ACU. Sul contenuto del messaggio non mi e’ chiaro a che scandalo si riferisce. Non so. Ma difenderò fino alla fine il diritto di ognuno di esprimersi. basta non offenedere nessuno

  3. (Ma difenderò fino alla fine il diritto di ognuno di esprimersi. basta non offenedere nessuno) grazie per il diritto di espressione, anche se in un futuro non lontano non sara’ possibile cancellare un commento (a meno che non violi la legge)
    L’ACU e’ una onlus (enti di cui lei sapra’ qualcosa) a cui ho mandato appunto la richiesta amichevole di legalita’ nei termini del primo commento

  4. Considerando che la questione e´ di indubbia importanza
    firmero´ la petizione.

    ¿ Mi perdoni la pignoleria, ma chi ha scelto la grafica della campagna ¿ – mi scuso x il punto interrogativo rovesciato, ma qui a Trinidad-Cuba le tastiere hanno solo questo.

  5. Concordo con Leda sulla qualità della grafica.
    Nel senso che io ho dubbi sulla qualità; mi sembra casereccio. Ne ha anche Leda?¿
    Per non parlare delle mutande in sé … grossi dubbi. E vogliamo parlare del claim?
    Non mi convince.

    Detto questo, spero serva e bene ha fatto Vita a fare una campagna ad hoc.

    Carlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *