Motivazione e retribuzione

 

Se, da un lato, il settore non profit può vantare la forza lavoro più motivata in assoluto, dall’altro è vero che la situazione di carenza cronica delle risorse, con cui siamo abituati a fare i conti, rappresenta una seria minaccia alla serenità del nostro lavoro. Frustrazione ed insoddisfazione, nemici del fundraiser, sono ciò di cui parlo nell’articolo di Vita Magazine del 5 agosto.

 

 



 

 

 

 

Lo strano caso della domanda e dell’offerta nel non profit: la domanda sale, ma gli stipendi no. Infatti, il valore delle risorse umane non può crescere, a causa del divieto morale di aumentare le retribuzioni nel settore, incoraggiando i nuovi operatori a cercare altrove (profit); con la conseguenza di generare un deficit di leadership che mina l’efficienza delle aziende non profit. Le mie considerazioni nell’articolo di Vita Magazine del 9 settembre.

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *