Nel fundraising non c’è tempo da perdere!

Ciao! Com’è andato il weekend? Il tempo non è stato male, vero?

Quando parliamo con qualcuno, non siamo quasi mai diretti. Quando mai andiamo subito al punto in una conversazione? Anche quando abbiamo ben chiaro in testa di cosa vogliamo discutere con una persona, abbiamo paura di essere maleducati se non gli chiediamo prima come sta.

I CONVENEVOLI sono importanti nella vita di tutti i giorni. Anche se sono vuoti. Anche se non vogliono dire niente.

Ecco: nel fundraising, invece, è meglio che li evitiamo proprio.

Quando mandiamo una lettera, una e-mail, bisogna essere SCHIETTI. Bisogna essere DIRETTI. Il donatore deve capire SUBITO cosa vogliamo. Dobbiamo andare subito DRITTI AL PUNTO: e il punto è che ci servono i loro soldi, per cambiare le cose.

Possiamo essere a disagio. È normale. Perché non è come nella vita di tutti i giorni. Come sarebbe se incontrassimo un amico per strada, e pretendessimo soldi senza neanche chiedergli come sta la moglie, o i figli?

Sicuramente ce lo farebbe notare.

“Ciao. Mi dai dei soldi?”

Oh, comunque sono contento anch’io di rivederti!”.

Ma il fundraising non è la vita di tutti i giorni. E dobbiamo ricordarci sempre una cosa importante. Quando non parliamo di persona a un donatore, ma indirettamente, con mail o lettere, è molto probabile che gli stiamo portando via tempo prezioso.

Quanta attenzione possono dedicare ad una lettera? Poca.
Quanta ad una email? Pochissima.

Nel fundraising non c’è tempo da perdere! Non c’è tempo per i convenevoli. La gente legge la prima riga, o a volte anche solo il titolo, e ha già deciso se tenere la nostra lettera o cestinarla.

Nella raccolta fondi, iniziare una comunicazione parlando del più e del meno può fargli perdere un sacco di tempo, e farci perdere un sacco di soldi. E tutto perché ci sentiamo a disagio a chiedere ad una persona in maniera diretta quello di cui abbiamo bisogno da lui!

Evitiamo quindi di far perdere tempo alla gente: andiamo direttamente al punto.

Cosa fai quindi, vieni al Festival del Fundraising sì o no? Hai dato un’occhiata al sito?…. siamo praticamente già sold out! Te lo dico chiaramente, se non ti sbrighi a iscriverti rischi seriamente di rimanere senza posto.
Fai te, però io ci sarò e con me anche altri 800 fundraiser.

 

tour_728x90

 

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *