Le campagne per farsi conoscere non aumentano la raccolta fondi

Alcuni esperti di marketing vorrebbero farvi credere che il fundraising è un processo composto da due fasi. Nella prima dovete far conoscere la vostra Onp al donatore poi, nella seconda, dovete chiedergli una donazione.

Il fundraising fatto in questa maniera è una colossale perdita di soldi. Non fate altro che raddoppiare i vostri costi senza avere nulla in cambio. La verità è che se avete risorse limitate, non c’è modo per giustificare i costi spesi per le campagne pubblicitarie volte a farvi conoscere. La realtà è che le campagne per aumentare la vostra visibilità, non portano un aumento misurabile nella raccolta fondi.

Una delle cose illogiche sul fundraising è che le persone in realtà non hanno mai sentito parlare della vostra Onp prima di rispondere a una richiesta di donazione. Tante volte autorevoli esperti di marketing con anni di esperienza sul campo in grandi imprese hanno posto l’accento sulla necessità di farsi conoscere per il proprio nome o per la causa prima di chiedere una donazione. Secondo loro la prima cosa da fare è una grande campagna per farsi conoscere.

La prima cosa che una Onp dovrebbe fare è fundraising. Quando raccogliete fondi state raccontando alle persone della vostra causa, li fate partecipi di cosa fate e loro, come risultato, doneranno. In questo modo raccoglierete fondi e notorietà.

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *