Il fundraiser secondo Chesterton

Basil Grant è un personaggio creato dal noto scrittore inglese G.K. Chesterton.

E’ un giudice costretto a lasciare l’incarico perché accusato di aver perso la ragione.

Infatti, condanna la gente per “delitti di cui mai si era sentito parlare in un’aula di giustizia, come l’egoismo illimitato, o la mancanza di senso dell’umorismo, o la indulgenza alla morbosità”.

Pensate come sarebbe bello avere un giudice così!

Grant giustifica il suo modo di amministrare la giustizia così:

“Scoprii che come giudice non potevo essere di alcuna utilità. E allora decisi di diventare un giudice puramente morale, chiamato a giudicare contenziosi puramente morali. La gente si presentava davanti a me per essere giudicata non per inezie pratiche (che in realtà non interessano a nessuno), come aver commesso un omicidio, o essere in possesso di un cane senza averne la licenza.

I miei criminali erano giudicati per quegli illeciti che rendono davvero impossibile la vita sociale.

Venivano processati davanti a me per egoismo, per insopportabile orgoglio, per maldicenza, per taccagneria nei confronti degli amici e dei dipendenti.

Evidentemente questo tribunale non aveva nessuno strumento di coercizione! L’applicazione della pena dipendeva totalmente dall’onore delle signore e dei gentiluomini coinvolti nel caso, compresi i colpevoli.

Ma se sapeste con quale precisione i nostri ordini sono sempre stati eseguiti vi meravigliereste”

E’ chiaro il messaggio?

Esistono illeciti che rendono davvero impossibile la vita sociale, e questi non sono le inezie di natura pratica di cui di solito si occupano i tribunali!

Chesterton, estende il campo della giustizia ben al di là dei confini che siamo soliti attribuirle.

Ma in fondo chi è un fundraiser, se non una persona che pensa e agisce come Basil Grant?

Il fundraiser non “pretende” in forza di legge, ma “chiede” in forza di moralità!

D’altronde lo spiegava già Cicerone:

“Se si tolgono dalla società la beneficenza, la liberalità e la bontà, viene a mancare del tutto anche la giustizia”.

Ancora una volta, il fundraising è trasformativo!

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *