I 6 principi base per mantenere FORTE la vostra raccolta fondi

Qualche giorno fa girovagando su internet ho letto un bell’articolo che spiegava come mantenere FORTE la nostra raccolta fondi. Ne ho riassunto i passaggi fondamentali e ve li propongo!

 

Volete sfruttare al meglio la vostra attività di fundraising mentre i vostri donatori sono così reattivi?

Ora più che mai, rafforzare al meglio i principi fondamentali che guidano la vostra attività di raccolta fondi sarà più che mai vantaggioso in termini di maggiori entrate, maggiore retention dei donatori, e più miglioramenti.

Ecco come:

  1. Siate coinvolgenti.

Pensate davvero a come vi fa sentire comunicare con i vostri donatori.

Siate interessanti. Ottimisti. Aperti e pronti ad ascoltarli. Emozionateli e prendetevi cura di loro.  Queste sono le qualità che i donatori cercano, soprattutto ora.

  1. Chiedete.

Questo è un momento insolito per la raccolta fondi. Una perfetta combinazione di fattori ha reso i donatori straordinariamente reattivi. In altre parole: vogliono donare! E vogliono farlo ora. Quindi mettetevi in contatto con loro e lasciate che donino e vi supportino. Se lo fate, avrete sicuramente successo.

  1. Personalizzate le richieste. Parlate con i donatori in modo chiaro. Usate i dati che avete a disposizione (non solo i loro nomi), ma fatelo attraverso i canali e gli strumenti che loro vi hanno dimostrato preferire.
  1. Ringraziateli, ringraziateli, ringraziateli. Il grazie è molto importante per mantenere i donatori vicini a voi e coinvolti nella vostra causa. In questo momento vi stanno prestando maggiore attenzione, quindi il vostro ringraziamento può avere un impatto ancora maggiore.
  1. Siate pronti ad accogliere l’amore, la fiducia e l’affetto che vi stanno dimostrando. Trattate i vostri donatori come se fossero dei re e delle regine (metaforicamente parlando s’intende). Dite loro che sono importanti. Metteteli in contatto con il bisogno che avete e con la soluzione che sono loro a rendere possibile.

Questo è un atteggiamento che ripaga, sempre, sia a breve che a lungo termine.

  1. Tracciate e sfruttate ( ora più che mai) i dati che avete raccolto in questo periodo. Assicuratevi di osservare il comportamento dei donatori e di “usarlo” per guidare le vostre azioni e le vostre scelte.
valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *