Il grande donatore

Nel fundraising l’80% delle donazioni viene dal 20% dei donatori e viceversa.

E come si fidelizzano? Li abbiamo fatti sentire importanti, li abbiamo emozionati, li abbiamo coinvolti.

Investire tempo (almeno 18 mesi), soldi ed energie su un grande donatore è l’unico modo per realizzare il suo pieno potenziale economico.

Se non lo emozioniamo, se non lo facciamo sentire parte della mission per cui lavoriamo, può anche essere Paperon de’ Paperoni: prima o poi scappa!

Se abbiamo troppa fretta di ricevere una sua donazione senza che prima l’abbiamo coinvolto, rischiamo di ricevere oggi 1.000 e zero domani, quando avremmo potuto invece raccogliere 10.000 investendo tempo e energie su di lui.

Dobbiamo avere rispetto per i donatori, e farli sentire importanti: ma non solo perché così domani ci possono dare di più, ma perché è giusto! Chi fa, e dà, di più, è giusto che abbia il massimo della soddisfazione per quello che ha fatto e che ha dato!

D’altronde non ci vuole molto: una testimonianza diretta, la presentazione di un progetto, un pranzo, dove gli spieghiamo l’impatto che la sua donazione ha su una causa, e la differenza che può fare un aumento del suo impegno. Investiamo tempo su di loro: solo così ci ricambieranno rimanendo fedeli per sempre alla nostra causa!

Avanti!

VM

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *