Il fundraiser vende emozioni fatte a mano?

il_fundraiser_vende_emozioni

“La maggior parte delle persone preferirebbe camminare sopra i carboni ardenti piuttosto che chiedere soldi agli altri perché è ampiamente considerato un atto audace e presuntuoso pieno di potenziale imbarazzo”

Questo è quanto dice Richard Levi dell’Alba University ed è una delle citazioni che ultimamente porto sempre con me a convegni e incontri.

Bisogna dunque partire da questo imbarazzo e riuscire a risolvere questo problema: ci è stato  infatti insegnato che chiedere è sbagliato, che chiedere è un errore, che chiedere è imbarazzante, che chiedere non va bene.

Chiedere sembra essere diventato oggi un atto presuntuoso.

Ti potrà sorprendere quello che ti sto per scrivere ma credo veramente che fare il fundraiser è una professione che aiuta le persone a mettere ordine nella propria vita.

Cercherò di guidarti, se avrai la pazienza di leggermi, tra mie esperienze personali, ricerche e teorie economiche per farti capire la differenza che può fare

Continue Reading

Chiedere una donazione non è mai sbagliato

Saper chiedere bene una donazione è doveroso

Ti senti in imbarazzo quando chiedi una donazione? Ti senti sbagliato quando chiami un potenziale donatore al telefono e sai che prima o poi dovrai sollecitare una sua donazione?

Ritieni umiliante chiedere? Piuttosto che chiedere una donazione faresti qualsiasi cosa? Anche fotocopie per il tuo capo?
Mi piacerebbe conoscere questa persona che considera il chiedere un atto così antiumano.

C’è un certo tipo di pensiero, che mi ha sempre amareggiato, sin da bambino.
Anzi, in particolare quando ero bambino. Il pensiero che chiedere è sbagliato!

Ti spiegherò come questo sia solo un pensiero sbagliato che possiamo cancellare semplicemente guardando dentro di noi e alle radici più profonde e vere del fundraising.

La mia storia

 

Sono l’ultimo di quattro figli. In casa nostra la regola era quella di “non chiedere”, non chiedere perchè “era maleducazione”, non chiedere mai un regalo

Continue Reading

La domanda sbagliata sul fundraising

avvenire_spese_generali_fundraising

Vi sembrerebbe normale che un critico cinematografico dopo aver visto un film desse una o cinque stelle solo in base alle ‘spese generali’ che la casa cinematografica ha avuto per realizzare la pellicola? Eppure questo è ciò che succede nel Nonprofit.

Ci viene insegnato che le migliori organizzazioni nonprofit sono quelle che hanno basse spese generali, e se sono le migliori saranno anche le più efficienti.

Ma quando, per esempio, andiamo a comprare un paio di scarpe da corsa non pensiamo
«prima di andare a comprare le scarpe, voglio sapere che percentuale del prezzo di vendita è destinata alle spese generali».Di certo, non usciamo da un negozio di articoli sportivi con un paio di nuovissime scarpe piene di buchi dicendo ai nostri amici «non crederete mai quanto sono basse le spese generali sostenute per produrre questo paio di scarpe».

Questo invece è esattamente quello che facciamo con le organizzazioni

Continue Reading

Raccolta fondi in tempo di guerra: cosa fare?

L’invasione russa dell’Ucraina domina i titoli dei giornali.
Come bisogna muoversi, in termini di raccolta fondi se la Causa della vostra nonprofit non ha a che fare direttamente con il conflitto o il suo impatto?

C’è solo una cosa da NON FARE:
annullare la raccolta fondi.

Se la vostra organizzazione, come nella grande maggioranza,  non ha alcuna connessione con la guerra, NON decidete per i donatori. Non pensate “ai nostri donatori in questo momento non interessa la nostra Causa, sospendiamo le attività di fundraising”.

Non dovete annullare la raccolta di fondi!

È una previsione che si autoavvera.
Appena smettete di raccogliere fondi, i donatori smettono di rispondere.
E’ ovvio. Smettono di donare perché abbiamo smesso di chiedere!

I grandi eventi come le guerre attirano l’attenzione dei donatori e spingono le altre cause in secondo piano. I tassi di risposta alla raccolta di fondi non collegati direttamente alla guerra

Continue Reading

Cosa significa fare fundraising per la legalizzazione della cannabis e i diritti delle persone LGBTQ+?

CASA FUNDRAISING SPECIALE DIRITTI
83° Puntata, con Leonardo Monaco, Meglio Legale e Yuri Guaiana, All Out

Leonardo Monaco è un fundraiser con la passione per le cause civili e politiche. Segue dalla sua nascita il progetto di Meglio Legale, ed è consulente in altre realtà tra cui Associazione Luca Coscioni e Open Arms.

Yuri Guaiana, è il responsabile delle campagne senior di All Out che ha guidato il lavoro di All Out contro la repressione anti-gay in Cecenia ed è stato detenuto a Mosca con attivisti russi, mentre cercavano di consegnare 2 milioni di firme di petizione alle autorità russe. Continue Reading

6 consigli per scrivere bene nel fundraising (lettere di raccolta fondi, blog, libri…)

Scrivere, prescrivere, riscrivere…

Alla maggior parte di noi non è mai stato insegnato a scrivere.
Magari a scuola, ci hanno insegnato a “riscrivere”, o a correggere. Si confonde lo scrivere con qualcosa tipo: la punteggiatura o la grammatica.

Un mio amico non sa quando ci va l’H davanti alle a, ma scrive bene, anzi benissimo, con un bel tono, comprensibile e vero. Chissenefrega se non fa le a con l’h? Invece a me interessi che sappia scrivere. Sembra di sentirlo parlare, solo che mette tutto per iscritto. Che è il massimo per me!

Se uno riesce a scrivere parlando, ha vinto!
Quando senti la voce dello scrittore, e quasi lo vedi che sta scrivendo, hai vinto.

Il problema è che quando ci mettiamo a scrivere cerchiamo di fare tante cose contemporaneamente: capire e decidere cosa scrivere, scriverlo, e farlo anche bene correttamente. E’ difficile! Anzi è impossibile!

Continue Reading

Mettere in ordine la vita professionale

C’e’ una cosa che faccio spesso quando sono in un momento confuso, quando non ho le idee chiare, anche quando sono arrabbiato e non voglio sbroccare: metto in ordine.

Metto in ordine la scrivania, metto a posto lo zainetto, risistemo la scrivania e i cavi del computer aggrovigliati, rimetto in ordine i libri della libreria. A volte, quando l’incazzatura è forte, cambio persino la disposizione dei mobili nell’ufficio…

Mi serve per calmarmi, per staccare, per dare “un ordine” alla vita, alle priorità alle mie cose, alle mie risposte e soprattutto alle mie domande.

E mettere in ordine, che tu lo faccia per un motivo o per un altro, aiuta, aiuta molto!
D’altronde, io penso che se uno non è ordinato fuori, è difficile (ma non impossibile) che tu sia ordinato anche dentro.
Mi ripeto spesso questo mantra.
Me lo descrisse un monaco benedettino di Milano. Mi disse:

Continue Reading

Vietato entrare di cattivo umore

La “Festival Family” mi ha regalato una zerbino con questa scritta.
E’ vera!!

A volte entro in ufficio con mille pensieri, cose da fare, da risolvere… ma fermarsi sulla soglia (dell’ufficio e dell’anno nuovo) ricordando i piccoli e grandi successi lavorativi raggiunti insieme al team del Master Universitario in Fundraising e Festival del Fundraising mi fa tornare di buon umore.

Quest’anno abbiamo raggiunto tantissimi obiettivi!!

  • MASTER IN FUNDRAISING

→ 50 studenti in classe: mai avuto una classe così numerosa, record!

→ 97 iscritti alle selezioni per il Master 2022, record!

→ € 56.875 valore delle borse di studio raccolte, record!

→ Nel 2022: 20 anni di Master! Non sono mica tanti i Master in Italia che hanno una storia così lunga

  • FESTIVAL DEL FUNDRAISING

→ + 30% di raccolta sponsor rispetto al 2019!

→ + 200 partecipanti al festival:
per la prima volta abbiamo

Continue Reading

Il miglior informatore sul donatore, è il donatore stesso

Non è cosi frequente che un libro (intendo un romanzo) parli espressamente di fundraising… magari in qualche film si vede (specie quelli fatti in America) una raccolta fondi, di solito ad un evento di gala. Ma in un romanzo non capita spesso.

Ora sto leggendo questo libro “La simmetria dei desideri”(l’avete letto?) quando i 4 amici, che sono al centro della storia, ad un certo punto creano un’associazione e la PRIMA cosa che fanno è… fare raccolta fondi!! Banale? mmm direi di no, ancora oggi non lo è affatto!!
Tra l’altro quello che fanno i 4 è molto semplice, ma ancora oggi in tanti non lo fanno.

Questi 4 vanno a incontrare i possibili donatori, gente che magari ha più soldi di altri, imprenditori locali e non solo.
Prima li studiano, capiscono a cosa sono interessati, cosa amano.
Cosa li appassiona.
E ora sono proprio

Continue Reading

Racconta in modo diverso quello che già fai!

Questo cartello l’ho fotografato in un bar. E’ all’interno di un piccolo centro commerciale, ma di quei centri non proprio splendenti, che non ci va una montagna di gente.
Un piccolo barettino, gestito con un sorriso da una proprietaria, che è così come la racconta. Non promesse non mantenute. Semplicemente la descrizione di quello che fa.
Simpatia e accoglienza al cliente.

Magari questo cartello l’avrà copiato da qualche parte (ma a me interessa poco, mi interessa che le promesse fatte siano veritiere), ma è così veramente, perchè quando ho preso il caffè, per la prima volta nella mia vita in questo bar, così mi sono trovato.

E così penso alle nostre nonprofit che hanno tanto bisogno di imparare a raccontarsi in modo diverso (la parola #storytelling forse è un po’ abusata, ma è quella giusta!) quello che già fanno.

▶ PRIMA REGOLA

Non andiamo a raccontare quello che

Continue Reading