Prendere decisioni nel lavoro e nel fundraising

Se pensate che arrivare puntuali, fare un buon lavorINO, magari anche affinare il mestiere, e ricevere un bel po’ di donazioni, sia la via del successo… beh non sono d’accordo!

Questo è importante, ma l’unico modo per avere successo (e soddisfazioni) nel lavoro è PRENDERE DECISIONI. Altrimenti si tratta semplicemente di “andare a lavorare”.

L’ho scritto ieri nella lavagna (magari un po’ male, ma bello grande) perché ognuno di noi qui dentro – nel nostro staff del Festival del Fundraising e del Master Universitario in Fundraising – deve lavorare su questo:

prendere decisioni.

prendere decisioni nel lavoro

Io ad esempio, quando ho deciso di trasferirmi per un certo periodo della mia vita in America, mi sono tremati i polsi. Mi sono tremati i polsi anche quando abbiamo deciso di spostare il Festival del Fundraising a Riccione…

Prendere una decisione fa paura!, ti fa sentire un po’ incosciente, ma ti fa anche prendere consapevolezza, crea visione e poi ti dona anche soddisfazione.

L’immobilismo è il peggio male per un’organizzazione, per un gruppo di lavoro, per una comunità!

 

Queste sono le 4 domande a cui ci siamo dati una risposta ieri mattina:

  1. Quali sono le 3 grandi decisioni sulla tua scrivania?
  2. Le riesci a prendere entro domani?
  3. Se ci fosse un altro al tuo posto, sarebbero diverse?
  4. Quanto tempo stai dedicando oggi per AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI possibili per prendere le tue decisioni?

 

Se ancora non vi sentite pronti, caxxxxate!
Se dovete valutare meglio perchè bla bla bla, scuse!
Se avete paura di sbagliare, non importa!

ps. Prendere la decisione di prendere decisioni è la miglior decisione che potete fare oggi!

valerio-melandri.jpg

valerio melandri

Autore, consulente, speaker e formatore sul fundraising.
Questo significa che scrivo, consiglio e parlo di fundraising dalla mattina alla sera, aiutando le organizzazioni nonprofit a raccogliere più fondi. Vivo in Italia ma insegno, faccio consulenza, o parlo a convegni anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *