Caterina di Forlì: 3-4-5- giugno, i giorni della Libertà

Caterina di Forlì

Presentato il Festival Caterina di Forlì: dal 3 giugno in Arena San Domenico

Caterina Sforza: una donna forte, coraggiosa e anche politicamente scorretta. Più di ogni altra cosa era una donna libera.

Oggi abbiamo presentato nella sala del Consiglio del Comune in conferenza stampa il Festival Caterina di Forlì: l’Edizione Uno, che si terrà nell’Arena San Domenico e in vari luoghi del centro storico di Forlì nei giorni 3 – 4 – 5  giugno.

Non voglio soffermarmi troppo sui contenuti del festival, mi preme più di ogni cosa sottolineare che il nostro ruolo è quello di offrire una guida e una possibilità a tutti coloro che vogliano contribuire ad arricchire l’attività culturale della nostra Forlì.

Mi riferisco alle 30 e più associazioni che si riuniranno per dar vita a questo Festival e che colgo l’occasione per ringraziare di cuore.

Abbiamo deciso di dare nuova luce alla figura di Caterina Sforza, finita

Leggi tutto

Un giro alle mostre d’arte cittadine. Galleria Farneti su Maceo. I Nerosunero all’Oratorio San Sebastiano.

Forlì le mostre d'arte cittadine Valerio Melandri Paola Casara

Le mostre d’arte cittadine riaprono, e questa è una grande ripartenza per la nostra Forlì e per l’Italia intera!

Ne ho vistate due: nella Galleria d’Arte Farneti la monografica Maceo – Passaggi.

All’Oratorio San Sebastiano i Nerosunero con L’ombra del beato regno dedicata a Dante e alla Divina Commedia.

Maceo Casadei, uomo intelligente, curioso, vitale e ottimista, è stato uno dei pittori più importanti di Forlì.

Partì da giovane come fotoreporter per l’Istituto Luce, al fine di mostrare quello che accadeva in guerra.

Come ha spiegato in maniera appassionata il professor Marco Vallicelli attraverso i suoi dipinti Maceo ci permette di viaggiare nel Novecento, ricercando sempre l’attualità nelle sue opere.

Anche il nostro Sindaco, Gian Luca Zattini, ha ringraziato la Galleria Farneti del lavoro svolto per quello che ha definito “un gigante dell’arte romagnola e nazionale”.

Io ricordo con affetto quando, da piccolo, la nostra “dada di casa”, che abitava nella stessa abitazione di

Leggi tutto

ARENA SAN DOMENICO 2021 DOVE TUTTO FA CULTURA

Arena San Domenico 2021

Arena San Domenico 2021 – Quello che proponiamo per l’estate forlivese, da giugno a settembre, è un programma con tantissime iniziative nel nuovo spazio-spettacoli appositamente realizzato in forma di Arena all’interno del secondo chiostro del San Domenico. Un calendario di eventi unico ed inedito: concerti, spettacoli, cinema, commedie dialettali, incontri culturali, spettacoli comici.

L’Arena 2021 si apre il 3 giugno con la I° edizione del Festival di Caterina e si chiude il 20 settembre con La Settimana del Buon Vivere, realizzata in collaborazione con Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

Rispetto all’anno scorso abbiamo anticipato la data di inizio di 30 giorni portando il cartellone, ad oggi, ad 83 serate, rispetto alle 60 dell’anno scorso.

Dico ad oggi perché stiamo ancora definendo alcune serate.

Rispetto ai 30 soggetti che hanno partecipano alla prima edizione dell’anno scorso, quest’anno i partecipanti sono, al momento, 45, tra Associazioni Culturali, Scuole di Musica e Scuole di Danza e soggetti del mondo dello spettacolo, non solo del territorio forlivese.

La pagina Facebook è a

Leggi tutto

Pubblicato il volume del RotarAct che raccoglie alcune delle nostre più belle location

La Forlì preferita dal Rotaract

Il Distretto RotarAct 2072 ha pubblicato la Guida turistica ai luoghi nascosti dell’Emilia Romagna e Repubblica di San Marino.

Il ricavato aiuterà bambini ammalati di autismo, per i quali la bellezza della vita non è proprio immediata (ma per chi lo è?).

Avevo detto: massimo sostegno, e così non abbiamo solo mandato le foto dei nostri luoghi più interessanti ma li abbiamo accompagnati alla Collezione Verzocchi, Palazzo del Merenda ed ex Gil, facendo incontrare loro direttamente il nostro patrimonio cittadino.

Perciò nel libro c’è un capitolo dedicato a Forlì.

La Forlì preferita dal RotarAct

C’è la raccolta Verzocchi  fondata da Giuseppe Verzocchi, l’operaio che ha fatto fortuna, innamorato del lavoro. Per Verzocchi il lavoro era espressione dell’uomo, eproprio il primo maggio è stato il Sessantesimo della Collezione omonima, con visite guidate gratuite tra le opere.

Leggi tutto

1 Maggio: nel giorno della Festa del Lavoro visite guidate gratuite alla Collezione Verzocchi

1 maggio collezione verzocchi sessantesimo

Nella data significativa dell’1 maggio celebriamo la raccolta dedicata al tema del lavoro esponendo una selezione di opere tra bozzetti, tavole, disegni che Verzocchi utilizzò per le proprie campagne pubblicitarie e che portano la firma dei maggiori artisti ed illustratori dell’epoca.

L’1 maggio 1961 Giuseppe Verzocchi, affermato imprenditore di origine forlivese, donava alla Città di Forlì la sua raccolta d’arte composta da 72 opere di artisti diversi, di tendenze opposte ma uniti dal tema del lavoro.

In occasione del 60° anniversario della donazione gli eredi della famiglia Verzocchi – i nipoti Alessandro e Valentino Pace, Marco Stefano e Valerio Caracciolo – hanno incrementato la raccolta con materiali e documenti provenienti dal loro archivio familiare.

Sabato 1 maggio, nel giorno della Festa del Lavoro, visite guidate gratuite alla Collezione

Il nuovo allestimento espone i nuovi documenti e il carteggio nelle sale a piano terra del museo.

Info e prenotazioni: 0543 712627 dalle 9,00 alle 12,00

Leggi tutto

Comune di Forlì & Città di Ebla: insieme per la Collezione Verzocchi dedicata al lavoro

Collezione Verzocchi sul lavoro Comune di Forlì Città di Ebla

Giuseppe Verzocchi era appassionato dal lavoro, un ‘eterno lavoratore’.

Costruire mattoni lo rendeva fiero e felice a dar retta alle innumerevoli foto che lo ritraggono: in una è seduto allegro su un muro dei suoi refrattari, le gambe a penzoloni; in un’altra esce da una ciminiera costruita sul pavimento della fabbrica a mò di scenografia teatrale.

“(…)è per riconoscenza verso il lavoro che è sempre stata la mia ragione di vita, che ho invitato alcuni pittori italiani a trattare questo argomento nel loro linguaggio.”, scriveva nel 1950.

Sì perché per Verzocchi il lavoro non finiva con i mattoni, piuttosto da lì cominciava.

Il lavoro poteva essere la sua ragione di vita perché lavorando Giuseppe Verzocchi scopriva altro, scopriva sé stesso, chi era: un uomo capace di intraprendere rapporti con chiunque, per esempio, e che a incontrare personaggi si divertiva.

Tra tutti prediligeva gli artisti. Lo incuriosivano, lo sollecitavano.

Scoprì che l’arte lo

Leggi tutto

Musei: si riapre con un omaggio a Giuseppe Verzocchi. Nuovi bozzetti e documenti inediti donati dai nipoti ed esposti in anteprima a Palazzo Romagnoli

pubblicità depero per verzocchi forlì

Verzocchi – Comunicato stampa del Comune

Musei; si riapre con un omaggio a Giuseppe Verzocchi. L’annuncio dell’Ass.re Melandri: “nuovi bozzetti e documenti inediti esposti in anteprima a Palazzo Romagnoli”

Forlì, 28 aprile. In occasione del 60′ anniversario della Donazione Verzocchi alla città, avvenuto il 1’ maggio 1961, il Museo Civico di Palazzo Romagnoli riapre i battenti nel nome dell’imprenditore forlivese e nel segno della parola “Lavoro”. Sabato 1° maggio visite guidate gratuite su prenotazione.
Commenta l’Assessore alla Cultura Valerio Melandri: “Abbiamo pensato che il modo migliore per celebrare i 60 anni della donazione Verzocchi fosse quello di arricchire la collezione con una nuova donazione ed esporla in anteprima alla vista dei forlivesi, nel programma più generale di valorizzazione delle nostre collezioni civiche. Di questo sono grato ai nipoti di Giuseppe Verzocchi, Alessandro e Valentino Pace, Marco Stefano e Valerio Caracciolo”.
Il 1 maggio 1961 Giuseppe Verzocchi, affermato imprenditore

Leggi tutto

La nuova stagione del campanile di San Mercuriale e la seconda vita di Palazzo Albertini. Piazza Saffi, Forlì

palazzo albertini in piazza saffi forlì

Dal campanile di San Mercuriale a Palazzo Albertini: così l’arte riempie Piazza Saffi. Più luoghi di cultura aperti e condivisi, più spazi comuni e multifunzionali.

Per i forlivesi ma anche ai turisti, la bellezza e la fruibilità del campanile di San Mercuriale.

La torre campanaria in Piazza Saffi è proprietà della diocesi e patrimonio di tutti. Ora è sottoposta a un’accurata opera di restauro per garantire le condizioni di sicurezza.

A lavori finiti, a cui questa Amministrazione intende contribuire con importanti risorse, il campanile sarà visitato da tutti; studenti, turisti, cittadini.

Oltre a San Mercuriale rilanceremo la nostra Piazza con il ricollocamento della collezione Verzocchi a Palazzo Albertini. I suoi spazi vedranno l’esposizione del patrimonio Verzocchi e l’allestimenti di eventi collaterali.

Il centro storico sarà tanto più attrattivo, tornerà a essere più che mai luogo di incontri e aggregazione.

La cultura è un volano, per tutti. Per la

Leggi tutto

A Forlì il nuovo Auditorium prende il posto dell’ex Cinema Odeon. La consulenza in Teatro Scala a Milano

auditorium consulenza Malgrande teatro alla scala con Atanasi Brilli e Spada

Dopo tanti ex, un persempre: il nuovo Auditorium città di Forlì sorgerà nell’ex Gil, al posto di quello che era il Cinema Odeon. L’incontro in Teatro alla Scala

L’ex Gil, il palazzo in viale della stazione che i più conoscono come sede della polisportiva Edera e come ex Cinema Odeon, ospiterà il nuovo Auditorium. Due ex che diventano un persempre nel prima sala della musica a Forlì. Per questo i nostri architetti, la progettista Chiara Atanasi Brilli e Antonio Spada, sono andati a Milano a confrontarsi con l’ingegnere del Teatro alla Scala, Franco Malgrande, che si occupa di tutta l’impiantistica scaligera. Un incontro entusiasmante, per la straordinarietà di questa persona che ha curato i teatri più importanti nel mondo.

E che, prima di mettersi sui progetti, ha voluto fare un passaggio ai laboratori Ansaldo dove gli allestimenti scenici vengono realizzati artigianalmente. Per far toccare con mano il grande lavoro che ha il suo inizio

Leggi tutto

Si riparte. 124mila euro per le Associazioni, contributi più del doppio. E dal 26 aprile possono riaprire teatri e cinema.

contributi associazioni carlino 17aprile2021

Per Forlì abbiamo sostenuto le Associazioni con 124mila euro. Erano 55mila euro nel 2020. Questo più che raddoppio è l’esito del bando pubblico del Servizio Cultura. Oggi i contributi sono arrivati a 40 associazioni, 25 nel 2020. L’incremento è il frutto della scelta di aumentare l’importo, certo, ma anche della comunicazione attivata in questi mesi per raggiungere il più possibile il nostro tessuto associativo e della celerità con cui gli uffici hanno concluso l’istruttoria. Abbiamo dato una risposta concreta e importante al nostro associazionismo culturale, soprattutto in un momento così difficile e complicato come quello che stiamo vivendo.

Perciò siamo pronti all’estate, abbiamo programmato credendo nella riapertura. Abbiamo progettato confidando nell’allentamento delle misure restrittive che ieri è arrivato dal Comitato Tecnico Scientifico con l’ok alle proposte del Ministro Franceschini sull’aumento dei numeri per il pubblico in presenza agli spettacoli.

Dal 26 aprile riaprono teatri, cinema e sale da concerto

Il

Leggi tutto