2 per mille alle Associazioni culturali

2 per mille

Dichiarazione dei redditi: il 2 per mille per le Associazioni culturali.

La dichiarazione dei redditi arriva come un’agguato al tempo libero e ai risparmi. Pochissimi sanno che è anche il modo per aiutare a zero costo e a zero complicanze le associazioni culturali.

Ciascuno può usare la dichiarazione dei redditi per impegnare lo Stato a sostenere un’associazione culturale a propria scelta.

E’ quello che succede con la firma nella casella del 2 per mille.

Cosa occorre?

Procuriamoci il codice fiscale dell’Associazione culturale che vogliamo sostenere e firmiamo nella casella del 2 per mille.

Può farlo anche chi è esonerato dall’obbligo di presentare la dichiarazione, compilando una scheda allegata ai modelli di dichiarazione.

Le nostre Associazioni culturali svolgono un’attività fondamentale: danno impulso allo sviluppo sociale e artistico della città.

Sosteniamo le Associazioni culturali al momento della dichiarazione dei redditi.

Nel sottostante link si legge la norma che lo permette: “Nella dichiarazione dei redditi 2021 (per l’anno fiscale 2020)

Leggi tutto

Concluso il Festival Caterina di Forlì, ci diamo appuntamento al 2022… in libertà!

Festival Caterina di Forlì Accento di libertà

Festival Caterina di Forlì

Si è conclusa ieri sera la tre giorni in Arena San Domenico Forlì dedicata a Caterina Sforza.
Tre giorni dove la libertà non è stata solo una parola, piuttosto un’esperienza!

Per farne esperienza l’abbiamo ascoltata dalla voce di Alessio Boni che ha letto Vaclav Havel, il dissidente e perseguitato nell’allora Cecoslovacchia, e dal quartetto d’archi dell’Orchestra Maderna.

L’abbiamo ballata sulle musiche di Ambrogio Sparagna e l’orchestra di musica popolare, cantata fino al trentatreesimo del Paradiso, l’inno alla Vergine.

Orto del Brogliaccio l’ha messa in scena con lo spettacolo di teatro contemporaneo ‘Caterina, uno studio’.

Julieta Manassas l’ha fatta sfilare, Giovanni Gastel l’ha fotografata. Sul palco sono saliti giovanissimi forlivesi che di libertà sono fatti: Costanza Ragazzini, Elena Faggi, Matilde Montanari con i Bodam Project, Ranaway.

Con il Festival Caterina di Forlì abbiamo voluto far divertire, riflettere, coinvolgere la nostra città che è il posto giusto per

Leggi tutto

Festival Caterina di Forlì. Accento di Libertà. Il programma

Caterina di Forlì. Accento di libertà

Festival Caterina di Forlì. Accento di Libertà

Metti che alla domanda: “Dove vai in vacanza?”, la risposta è: “Resto in città”.

Che sia per via del Covid (chi non è ancora stato vaccinato non può o non vuole muoversi), o per via dell’esercizio che ha tenuto la serranda abbassata (o l’ha alzata a singhiozzo e non si capisce cosa sia meglio) e adesso con le riaperture conviene approfittarne. Ecco, per te che resti in città c’è Arena San Domenico: che apre il 3 giugno con il Festival Caterina di Forlì. Accento di Libertà e va avanti fino al 19 settembre.

Ci tengo particolarmente al Festival. Il Direttore Artistico è Davide Rondoni, poeta e forlivese, che già ha curato l’edizione scorsa: l’edizione zero, l’anteprima come la chiamammo. Quest’anno l’edizione Uno si ingrandisce allargandosi a tutto il Centro Storico: Palazzo Albertini, Piazza Saffi, Chiostro di San Mercuriale, Oratorio di San Sebastiano, per cominciare. Stiamo raccogliendo l’entusiasmo

Leggi tutto

Programma Arena San Domenico 2021: l’estate a Forlì è uno spettacolo!

programma Arena San Domenico Forlì 2021

Sono veramente contento di invitarvi tutti alla rassegna culturale estiva in Arena San Domenico!

Il programma va dal 3 giugno e arriva al 19 settembre: lo avevo promesso l’anno scorso che avremmo aumentato le serate e, si sa, ogni promessa è debito! Musica classica, jazz, teatro moderno e dialettale, incontri, approfondimenti: l’estate a Forlì è uno spettacolo! Sfogliatelo e ditemi cosa ne pensate, a quale serata andrete: per ogni appuntamento sono riportati i contatti dell’Associazione che lo tiene, prenotatevi!

programma ArenaSanDomenico 2021

Grazie allo staff che ha permesso la realizzazione della rassegna: senza queste persone il risultato non sarebbe mai arrivato!

In particolare ringrazio il ‘mio’ Dirigente, Stefano Benetti, per le linee di indirizzo progettuali e l’allestimento dell’Arena; Giovanna Ferrini, funzionaria referente del progetto; e tutto il gruppo dell’organizzazione amministrativa e tecnica: Diletta Basini, Viviana Venturelli, Elena Barzanti, Angelica Mazzotti, Silvia Milandri.

La portavoce del Sindaco, Beatrice Lamio, che mi dice

Leggi tutto

Caterina di Forlì: 3-4-5- giugno, i giorni della Libertà

Caterina di Forlì

Presentato il Festival Caterina di Forlì: dal 3 giugno in Arena San Domenico

Caterina Sforza: una donna forte, coraggiosa e anche politicamente scorretta. Più di ogni altra cosa era una donna libera.

Oggi abbiamo presentato nella sala del Consiglio del Comune in conferenza stampa il Festival Caterina di Forlì: l’Edizione Uno, che si terrà nell’Arena San Domenico e in vari luoghi del centro storico di Forlì nei giorni 3 – 4 – 5  giugno.

Non voglio soffermarmi troppo sui contenuti del festival, mi preme più di ogni cosa sottolineare che il nostro ruolo è quello di offrire una guida e una possibilità a tutti coloro che vogliano contribuire ad arricchire l’attività culturale della nostra Forlì.

Mi riferisco alle 30 e più associazioni che si riuniranno per dar vita a questo Festival e che colgo l’occasione per ringraziare di cuore.

Abbiamo deciso di dare nuova luce alla figura di Caterina Sforza, finita

Leggi tutto

Un giro alle mostre d’arte cittadine. Galleria Farneti su Maceo. I Nerosunero all’Oratorio San Sebastiano.

Forlì le mostre d'arte cittadine Valerio Melandri Paola Casara

Le mostre d’arte cittadine riaprono, e questa è una grande ripartenza per la nostra Forlì e per l’Italia intera!

Ne ho vistate due: nella Galleria d’Arte Farneti la monografica Maceo – Passaggi.

All’Oratorio San Sebastiano i Nerosunero con L’ombra del beato regno dedicata a Dante e alla Divina Commedia.

Maceo Casadei, uomo intelligente, curioso, vitale e ottimista, è stato uno dei pittori più importanti di Forlì.

Partì da giovane come fotoreporter per l’Istituto Luce, al fine di mostrare quello che accadeva in guerra.

Come ha spiegato in maniera appassionata il professor Marco Vallicelli attraverso i suoi dipinti Maceo ci permette di viaggiare nel Novecento, ricercando sempre l’attualità nelle sue opere.

Anche il nostro Sindaco, Gian Luca Zattini, ha ringraziato la Galleria Farneti del lavoro svolto per quello che ha definito “un gigante dell’arte romagnola e nazionale”.

Io ricordo con affetto quando, da piccolo, la nostra “dada di casa”, che abitava nella stessa abitazione di

Leggi tutto

ARENA SAN DOMENICO 2021 DOVE TUTTO FA CULTURA

Arena San Domenico 2021

Arena San Domenico 2021 – Quello che proponiamo per l’estate forlivese, da giugno a settembre, è un programma con tantissime iniziative nel nuovo spazio-spettacoli appositamente realizzato in forma di Arena all’interno del secondo chiostro del San Domenico. Un calendario di eventi unico ed inedito: concerti, spettacoli, cinema, commedie dialettali, incontri culturali, spettacoli comici.

L’Arena 2021 si apre il 3 giugno con la I° edizione del Festival di Caterina e si chiude il 20 settembre con La Settimana del Buon Vivere, realizzata in collaborazione con Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

Rispetto all’anno scorso abbiamo anticipato la data di inizio di 30 giorni portando il cartellone, ad oggi, ad 83 serate, rispetto alle 60 dell’anno scorso.

Dico ad oggi perché stiamo ancora definendo alcune serate.

Rispetto ai 30 soggetti che hanno partecipano alla prima edizione dell’anno scorso, quest’anno i partecipanti sono, al momento, 45, tra Associazioni Culturali, Scuole di Musica e Scuole di Danza e soggetti del mondo dello spettacolo, non solo del territorio forlivese.

La pagina Facebook è a

Leggi tutto

Pubblicato il volume del RotarAct che raccoglie alcune delle nostre più belle location

La Forlì preferita dal Rotaract

Il Distretto RotarAct 2072 ha pubblicato la Guida turistica ai luoghi nascosti dell’Emilia Romagna e Repubblica di San Marino.

Il ricavato aiuterà bambini ammalati di autismo, per i quali la bellezza della vita non è proprio immediata (ma per chi lo è?).

Avevo detto: massimo sostegno, e così non abbiamo solo mandato le foto dei nostri luoghi più interessanti ma li abbiamo accompagnati alla Collezione Verzocchi, Palazzo del Merenda ed ex Gil, facendo incontrare loro direttamente il nostro patrimonio cittadino.

Perciò nel libro c’è un capitolo dedicato a Forlì.

La Forlì preferita dal RotarAct

C’è la raccolta Verzocchi  fondata da Giuseppe Verzocchi, l’operaio che ha fatto fortuna, innamorato del lavoro. Per Verzocchi il lavoro era espressione dell’uomo, eproprio il primo maggio è stato il Sessantesimo della Collezione omonima, con visite guidate gratuite tra le opere.

Leggi tutto

1 Maggio: nel giorno della Festa del Lavoro visite guidate gratuite alla Collezione Verzocchi

1 maggio collezione verzocchi sessantesimo

Nella data significativa dell’1 maggio celebriamo la raccolta dedicata al tema del lavoro esponendo una selezione di opere tra bozzetti, tavole, disegni che Verzocchi utilizzò per le proprie campagne pubblicitarie e che portano la firma dei maggiori artisti ed illustratori dell’epoca.

L’1 maggio 1961 Giuseppe Verzocchi, affermato imprenditore di origine forlivese, donava alla Città di Forlì la sua raccolta d’arte composta da 72 opere di artisti diversi, di tendenze opposte ma uniti dal tema del lavoro.

In occasione del 60° anniversario della donazione gli eredi della famiglia Verzocchi – i nipoti Alessandro e Valentino Pace, Marco Stefano e Valerio Caracciolo – hanno incrementato la raccolta con materiali e documenti provenienti dal loro archivio familiare.

Sabato 1 maggio, nel giorno della Festa del Lavoro, visite guidate gratuite alla Collezione

Il nuovo allestimento espone i nuovi documenti e il carteggio nelle sale a piano terra del museo.

Info e prenotazioni: 0543 712627 dalle 9,00 alle 12,00

Leggi tutto

Comune di Forlì & Città di Ebla: insieme per la Collezione Verzocchi dedicata al lavoro

Collezione Verzocchi sul lavoro Comune di Forlì Città di Ebla

Giuseppe Verzocchi era appassionato dal lavoro, un ‘eterno lavoratore’.

Costruire mattoni lo rendeva fiero e felice a dar retta alle innumerevoli foto che lo ritraggono: in una è seduto allegro su un muro dei suoi refrattari, le gambe a penzoloni; in un’altra esce da una ciminiera costruita sul pavimento della fabbrica a mò di scenografia teatrale.

“(…)è per riconoscenza verso il lavoro che è sempre stata la mia ragione di vita, che ho invitato alcuni pittori italiani a trattare questo argomento nel loro linguaggio.”, scriveva nel 1950.

Sì perché per Verzocchi il lavoro non finiva con i mattoni, piuttosto da lì cominciava.

Il lavoro poteva essere la sua ragione di vita perché lavorando Giuseppe Verzocchi scopriva altro, scopriva sé stesso, chi era: un uomo capace di intraprendere rapporti con chiunque, per esempio, e che a incontrare personaggi si divertiva.

Tra tutti prediligeva gli artisti. Lo incuriosivano, lo sollecitavano.

Scoprì che l’arte lo

Leggi tutto