“Che il Festival siano tre giorni intervallati da una storia di una anno!”

E adesso si parte per la decima edizione.
Chi vorreste alla plenaria finale? Jovanotti? Gianni Morandi? o magari Renzi? o Kofi Annan? O Marchionne che discute con un sindacalista? O magari uno sconosciuto e silenzioso operaio della croce che tutti i giorni assiste e cura con amore le persone con disabilità, una per una, una per una, una per una? Una mamma che manda avanti la famiglia con budget “limitati”? O magari un pensionato che con la sua risicata pensione riesce ugualmente a donare 5 euro al mese, per le cause che sostiene e in cui crede?
Tutti siamo rimasti colpiti per le due testimonianze finali di Cairo e Naimu, uomini straordinariamente, normali. E occrre davvero ringraziarli.

Ma quello che più mi ha colpito è stata la straordinaria vocazione che ognuno di voi esprime nel suo lavoro.

Al termine del Festival, sono sono stato, con

Leggi tutto

Etica e fundraising: i sette dilemmi più importanti.

url

Al Festival del Fundraising, insieme al Professor Zamagni, affronterò il tema dell’Etica del Fundraising. Siete tutti invitati a esserci, sarà Mercoledi 11 maggio dalle 17,45 in poi.

Ecco alcuni pensieri sul tema, i famosi sette dilemmi etici del fundraiser.

Sebbene la stragrande maggioranza di chi opera nel settore, siano essi membri del consiglio direttivo o semplici volontari, possano essere persone moralmente impeccabili, di tanto in tanto può capitare di prendere cattive decisioni: questo perché non si possono sempre prevedere le implicazioni etiche delle scelte che facciamo.

Nella mia esperienza di fundraising sono riuscito ad individuare sette questioni etiche che ogni soggetto che si occupa di fundraising, prima o poi, finisce col dover fronteggiare. Questi dilemmi non rappresentano necessariamente un ostacolo a raccogliere fondi, ma si tratta comunque di problematiche di cui occorre tenere conto.

Questione 1: Provenienza delle donazioni. Questo problema riguarda il conflitto tra

Leggi tutto

Avete ringraziato i vostri donatori?

_PA88415 2

Il GRAZIE, nel fundraising è tutto. Ci ho persino scritto un capitolo di un libro sull’importanza del grazie (a proposito, per chi vuole saperne di più, ecco l’elenco dei miei libri www.valeriomelandri.it/libri/scritti-da-me/). Ho tantissimi esempi di come ringraziare (due sono sotto), ma forse in estrema sintesi direi che le cose importanti sono:

• CONOSCERE – mostrare che sappiamo chi è il donatore, che lo conosciamo;

• CAUSA – ricordare gli obiettivi per cui abbiamo chiesto la donazione: sapere ciò di cui si parla;

• IMPATTO –  raccontare bene perché tu sei stato importante.

Ieri ho ricevuto una lettera di ringraziamento per una donazione (di tempo) che ho fatto:

“Ciao Valerio, volevo esprimere il mio più sincero e profondo grazie per la tua presenza oggi a Milano con i vertici della nostra realtà . Non era una cosa dovuta e quindi la tua presenza ha avuto

Leggi tutto

Mancano solo 2 settimane all’inizio del Festival del Fundraising!

9 anni anni fa, quando nacque il Festival del Fundraising, il mondo era assai diverso.

L’influenza dei nuovi media era decisamente minore; il welfare e le pensioni non erano ancora un miraggio, la differenza fra ricchi e poveri non era così folle, le sfide derivanti dall’immigrazione non erano così potenti.

Oggi si stanno verificando cambiamenti radicali.

I confini si stanno sgretolando: emergono nuovi modelli, nuove mentalità, nuove ideologie. Persone da tutto il mondo si stanno unendo e mobilitando per cambiare le cose.

È certamente un periodo elettrizzante.

Direi entusiasmante.

Ma il nostro scopo è sempre lo stesso, non è cambiato in questi 9 anni.

Il Festival del Fundraising è nato per essere al servizio di coloro che vogliono fornire risorse nuove al mondo nonprofit: esiste per servire tutti i fundraiser,

Il Festival del Fundraising esiste al servizio di tutti voi, impegnati a contrastare la disuguaglianza

Leggi tutto

Come far crescere il fundraising da Lasciti Testamenti: un ricetta “politica”…

Si parlerà molto di Lasciti e testamenti al prossimo Festival del Fundraising. Perchè solo il 15% degli Italiani lascia lo fa, e vi è dunque un  enorme spazio di crescita. Ma è chiaro che se la legislazione ci venisse incontro, tutto sarebbe più facile. C’e’ un modo sicuro per aumentare i lasciti alle organizzazioni non profit: alzare le tasse di successione. Questo assioma – che, certo, come misura rischia di non essere molto popolare – è stato ampiamente dimostrato da parecchie ricerche svolte in passato negli Stati Uniti. Tutte le volte che la tassazione è stata ridotta, l’interesse a donare ad una charity è calato; viceversa, è sempre aumentato. La reazione della gente non è immediata, è evidente, ma la curva dei lasciti riprende a salire fra i 4 e i 7 anni dopo il cambio della normativa, ovvero quando la tassazione aumenta (lo dimostrano gli studi del fundraiser britannico

Leggi tutto

Vita, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo!

nuovo-vita

C’e’ The Chronicle of Philanthropy negli Stati Uniti, e chi non lo legge nel settore nonprofit non rimane nel settore per molto.

Io sono ancora abbonato (digitale), perchè rimani in contatto. Poi c’e’ poco altro in giro per il mondo. Noi italiani abbiamo Vita. E siamo fortunati.

Lo leggo da sempre. Prima settimanale in un formato cartaceo gigante, (tipo Repubblica), poi mensile, adesso libro- mensile. Sono proprio curioso di leggere il primo numero e di averlo in mano. A me sembra, come al solito un’idea curata. Magari non la più innovativa, ma tutto quello che fa Riccardo Bonacina e i suoi è “curato”, proprio secondo l’ “I care” di Don Milani. Si vede che ci tiene e che lo fa con cura. Lo dico e lo ridico.

In questi 20 anni lui ci ha tenuto insieme, molto di più di tanti inutili forum o tavoli

Leggi tutto

I treni passano…

IMG_3094

La gente non compra solo perchè piace, ma anche per “paura”. Interessante questo commento di Seth Godin:

“It’s fun to believe that people buy the goods and services we make merely because they are excited, delighted and eager to engage.

But often, particularly in b2b selling, the call to action is very different. “Get off the tracks! The train is coming…” combined with the rumble, the smoke and the visuals of the train arriving. That’s what causes action.

Action means change and change means fear, so of course we shouldn’t be surprised that people (and organizations) are often as motivated by the fear of loss as they are by the desire for gain

Cose che un fundraiser
può imparare da Donald Trump

Voi sapete la mia passione per l’America, al punto tale che mi piace dire, quasi per gioco “L’Italia è la mia nazione, gli Stati Uniti la mia casa”… e così mi interessa tutto di questo straordinario Paese, con le sue gigantesche contraddizioni (libero e schiavo, povero e ricco, razzista e pro-diritti civili, tollerante e intollerante, e potrei andare avanti per ore…), e così guardando la “straordinaria” (intesa come fuori dall’ordinario) campagna di Donald Trump capisco come ci sia tanto da imparare per un fundraiser.

Ovviamente il mio non è un post “a favore” o “contro” Trump. E’ solo un dato di fatto: qualche mese fa non gli veniva data nessuna possibilità di diventare presidente. Ora ne ha parecchie. Cosa c’e’ da imparare?

1 – Trump parla la stessa lingua delle persone che ascoltano.

Si concentra su uno specifico gruppo di individui, e gli dice cose nel modo che loro possano

Leggi tutto

La direzione, il solito ostacolo al fundraising?

direzione-problema-melandri

Ricevo un’altra e-mail che mi parla di una direzione lungimirante per certi versi ma VECCHIA nelle modalità.
La condivido con voi, che spesso vi trovate in questa situazione purtroppo.
Sotto la mia risposta… voi cosa fareste?

 

Ciao Valerio.
Ti scrivo sull’onda emotiva di un incontro con la Direzione. Per avere un tuo parere. Anche.  O forse per cercare di capire qualcosa di più con te, se vorrai leggermi e soprattutto restituirmi alcune riflessioni.
Oggi avevamo un incontro per parlare di comunicazione interna/esterna e della campagna cinque per mille. Avevamo chiesto al direttore di legittimarci di fronte ai nostri colleghi. E la risposta della direzione è stata che non legittimerà nessun gruppo di lavoro (al massimo potrà comunicare che alcuni di noi lo stanno facendo a titolo personale così come altri stanno facendo a titolo personale altre cose) poiché legittimare un servizio

Leggi tutto

Nel fundraising non c’è tempo da perdere!

Ciao! Com’è andato il weekend? Il tempo non è stato male, vero?

Quando parliamo con qualcuno, non siamo quasi mai diretti. Quando mai andiamo subito al punto in una conversazione? Anche quando abbiamo ben chiaro in testa di cosa vogliamo discutere con una persona, abbiamo paura di essere maleducati se non gli chiediamo prima come sta.

I CONVENEVOLI sono importanti nella vita di tutti i giorni. Anche se sono vuoti. Anche se non vogliono dire niente.

Ecco: nel fundraising, invece, è meglio che li evitiamo proprio.

Quando mandiamo una lettera, una e-mail, bisogna essere SCHIETTI. Bisogna essere DIRETTI. Il donatore deve capire SUBITO cosa vogliamo. Dobbiamo andare subito DRITTI AL PUNTO: e il punto è che ci servono i loro soldi, per cambiare le cose.

Possiamo essere a disagio. È normale. Perché non è come nella vita di tutti i giorni. Come sarebbe se incontrassimo un amico per

Leggi tutto