La vera risorsa scarsa è il tempo, non i soldi.

Lo pensavo vedendo in questo periodo l’esplosione dei convegni o dei webinar gratuiti, molte volte non di alto livello.
Ok, è gratuito. E su questo niente da dire. Ma davvero abbiamo ancora bisogno di eventi gratuiti? Va benissimo. Per carità. E’ gratis e a caval donato non si guarda in bocca, quindi grazie agli organizzatori. Ma io ho deciso che preferisco pagare 10, 100 o 1.000 euro e andare a un congresso ben organizzato e pensato.
Perchè alla fine la risorsa più scarsa NON sono i soldi, è il TEMPO. Il mio tempo, il tuo tempo. Il tempo di una persona che deve scegliere con cura. Andare ad un convegno mi va via una giornata (se vivi nella stessa città, anche solo mezza giornata), ma è tempo speso bene?
Non vale forse di più la pena scegliere con cura dove andare a informarsi e formarsi? O magari

Leggi tutto

Il Fundraiser è il Protagonista del Nonprofit

Master Fund Rising

Sono sempre a disposizione degli studenti del Master in Fundraising. Domande, dubbi, curiosità. Parliamo di tutto negli incontri a ricevimento (che tra l’altro con le email e skype è diventato h24, ma è una cosa che mi rende felice).
A tutti, al primo incontro chiedo “perchè hai voluto fare il Master in Fundraising?”. E mi danno le risposte più disparate. Ma tutte interessanti.
Una volta uno studente mi ha risposto: “Perchè voglio essere un protagonista e non un comprimario”.

Ed è tutta qui l’essenza dello spirito degli studenti del Master in Fundraising. E ne sono orgoglioso.

Ci sono tanti modi per lavorare nel nonprofit.

Ma è il Master in Fundraising che vi dà la possibilità di essere protagonisti. Perchè oggi chi raccoglie fondi è in grado di fare la differenza nel nonprofit.

Ecco perché mi piace il nonprofit, E

Leggi tutto

Il tempo è la vera risorsa scarsa!

In vacanza, quanto uno ha il tempo libero, si capisce che la vera risorsa scarsa è il Tempo.

Chi guadagna molti soldi, non ha il tempo per spenderli, perché tutti lo richiedono e lui/lei non ha nemmeno il tempo di stare con la famiglia per spenderli e goderseli.

Chi non guadagna abbastanza ha un sacco di tempo libero, ma non ha i soldi per poter fare qualcosa con il proprio tempo libero.

E quindi cosa te le fai del tempo?

La vera risorsa scarsa è il tempo, non i soldi.

VM

Il Fundraiser deve sapersi distinguere.

13901512_491914304351950_5199597820312702926_n

 

 

L’altro giorno un mio studente (Astuto, di nome e di fatto) ha pubblicato questa bella foto nel suo sito.

A me viene in mente che Il Fundraiser è come il girasole che vuole distinguersi dagli altri.

Rompe le regole. Fa casino. Va controcorrente.

Per emergere fra le oltre 300.000 organizzazioni, bisogna sapersi distinguere.

Come quel girasole.

VM

 

Perchè meravigliarsi?

Qualche giorno fa ha dato scalpore la notizia di un medico torinese che alla sua morte ha lasciato 24 milioni di Euro in eredità alla Fondazione FARO. Sì, avete letto bene, 24 milioni di Euro destinati ad alleviare le sofferenze dei malati terminali. I soldi saranno gestiti dalla Compagnia di San Paolo e serviranno per le cure e l’assistenza ai malati terminali e ai loro parenti, creare un nuovo hospice, o ampliare quello esistente.
Ma come si è giunti ad una donazione del genere?
La Compagnia di San Paolo ha lavorato bene. Ha intercettato un volere del medico mentre era ancora in vita e lo ha “coccolato” fino a fargli fare un lascito testamentario importante.
C’è tantissima gente che si è stupita per questo gesto. Per il gesto e per la cifra.
Ma posso assicuravi che non c’è nulla di cui stupirvi. È Donor Love.

Leggi tutto

30 Anni Fa

Milan Moser72

30 anni fa.
Moser con il suo Record dell’Ora a Citta del Messico e la bici con le ruote lenticolari, ha cambiato il ciclismo. Per sempre. Dall’era eroica a quella moderna. Moser rivoluziona il ciclismo. Tabelle, progressioni, ripetute. Test col frequenzimetro che calcolano i battiti cardiaci fino alla soglia in cui i muscoli cominciano a produrre acido lattico in eccesso. E nell’ organismo si esauriscono zuccheri e carboidrati, che sono la benzina del motore di un atleta. Tutto molto bello, tutto molto futuribile. Tanto è vero che Moser, sull’onda del record, torna in Italia e in primavera fa sfracelli.

30 anni fa
Berlusconi con il suo Milan, con il suo piglio imprenditoriale, ha cambiato il calcio per sempre. L’invenzione di un “brand”, di Milanello, gli acquisti, la gestione imprenditoriale, Galliani. Squadre corte, super allenamenti. Soldi ben spesi. Tanti.
Tutto molto bello, tutto molto

Leggi tutto

La solitudine del fundraiser, specie il 1 agosto…

È capitato a tutti di provare la solitudine del Fundraiser.La sentite quando siete davanti ad un CDA ostile. Che non vi segue. Che non vuole fare Fundraising, o che pretende che voi portiate a casa i soldi…quasi in modo “naturale” senza fatica.. più o meno con la facilità con cui loro li spendono…

A me non capita più da molto tempo. Perché ora, prima di arrivarci, faccio capire al CDA che ho davanti una cosa ben precisa … che sono a cinque minuti dalla decisione più importante della loro vita.

Non gli dico che “così non si può andare avanti”. Gli dico chiaramente che sono già all’inferno. “Potete rimanerci o aprirvi la porta verso la luce. Io non posso farlo per voi”.

Il compito del Fundraiser è di far capire al CDA che non hanno un problema di soldi. Quelli ci sono. Sono tutti intono a loro.

Leggi tutto

Diventa Relatore al Festival Del Fundraising

13592207_10153619151811776_7661630589563138569_n

Partecipare come relatore al Festival del Fundraising è importante per il mondo del Fundraising, per chi viene ad ascoltarvi, per chi lo organizza…! Vuol dire far camminare un po’ di più il fundraising Italiano, ma anche fare network.

Perchè fare network vuol dire condivisione. Questa è una delle chiavi del successo del fundraising. Condividere le idee. E se siamo noi i primi a farlo, poi tanti altri lo faranno con noi.

Come possiamo far crescere il Fundraising in Italia anche dove ancora non è capito?

Il mio invito è: “Proponete le vostre idee”.

Tutte le idee sono vincenti, e tutte le idee meritano di essere ascoltato e fatte parlare sul palco, a patto che siano frutto di esperienze riflesse e riflettute e che siano “avanzate” ovvero che possano “insegnare qualcosa” anche a chi ha qualche anno di esperienza in più.

Aspetto le vostre

Leggi tutto

Io vado all’IFC. Voi cosa fate?

IFC

Sono quasi 20 anni che vado all’International Fundraising Congress, e anche quest’anno ci sarò.

E il motivo è molto semplice. È una fonte di ispirazione di inestimabile valore.

Non mi stancherò mai di dirlo, e badate bene che lo faccio continuamente alle lezioni del Master in Fundraising, che le tecniche, il come si fa, le meccaniche, gli strumenti, l’uso del database, sono importantissimi. Dovete saperle bene. Tutto il resto si copia.

E lo potete fare solo facendo network, creando relazioni.

Partecipare all’IFC vi permette di fare tutto questo. Ogni incontro è una sorpresa. Nasce un’amicizia, un’occasione di lavoro, si condividono idee ed esperienze. Potete imparare, fare network, prendere ispirazione dai grandi player internazionali. Ma non solo. Abbiamo l’occasione di fare vedere quanto siamo diventati bravi noi italiani a fare fundraising.

All’IFC si respira la voglia di condividere, ci si sente attori protagonisti del cambiamento del

Leggi tutto